Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Pregiudicato convertito ad agricoltore rubava la corrente: arrestato

Carinola - Anche la "malavita di spessore" non disdegna piùdi dedicarsi ad attività che, ferma restando la loro naturaillecita, erano state considerate sino ad oggi indegne della loro levaturacriminale. E' per l'appunto il caso del pregiudicato...

064932_polizia_ftv

Anche la "malavita di spessore" non disdegna piùdi dedicarsi ad attività che, ferma restando la loro naturaillecita, erano state considerate sino ad oggi indegne della loro levaturacriminale. E' per l'appunto il caso del pregiudicato Arturo Pagano, sessantaseienneoriginario di San Cipriano d'Aversa trasferitosi da oltre trent'anni nel carinolese,noto alle cronache degli anni 80 e 90 per aver fatto parte con ruoli di rilievo,delle organizzazioni criminali locali costruendosi un "curriculum" malavitoso ditutto rispetto che vanta condanne e precedenti di polizia per associazione adelinquere di stampo camorristico, delitti contro la persona ed il patrimonio,armi, estorsione ecc.
L'anziano criminale, proprietario di un vasto appezzamento di terreno conannessa casa colonica nell'agro del comune di Carinola, in località "Bastia", ove,apparentemente dismessi i panni del criminale, pareva volersi dedicare ad attivitàagricole, non ha però rinnegato del tutto i propri "principi antigiuridici" ed hapensato bene di continuare a lucrare sulle spalle della collettività addebitandoa1l'ENEL, gli ingenti consumi di energia elettrica che derivavano dallaconduzione del fondo, senza lesinare sprechi che, tanto, non gravano sulle suespalle.
Tutte le apparecchiature di irrigazione ed illuminazione dell'azienda, infatti,risultavano alimentate da un cavo allacciato abusivamente alla rete portanteENEL e, quindi, il consumo di energia non veniva contabilizzato ed addebitato alcontatore intestato al PAGANO che, quindi, si sentiva libero di far funzionare iltutto a pieno regime senza alcuna accortezza.
Le lampade ad alto voltaggio e le pompe costantemente in funzione hannoinsospettito, però, gli uomini della Squadra Investigativa del Commissariato diSessa Aurunca ( che, peraltro, mantengono costantemente monitorati econtrollati tutti i personaggi di significativa caratura criminale presenti sulproprio territorio ) i quali nell'effettuare un sopralluogo sul posto hanno anchenotato che il Pagano aveva recintato l'area adiacente al punto di collocazione delcontatore lasciando libero all'interno un cane piuttosto aggressivo chescoraggiasse chiunque ad avvicinarsi all'apparecchio.

I poliziotti hanno deciso, quindi, di far intervenire i tecnici della Squadra diPronto Intervento Anti Frode dell'ENEL, per far avvicinare i quali hanno dovuto,comunque, prima neutralizzare l'animale, e questi, in breve, hanno scoperto ilmarchingegno ed elevato immediatamente una contestazione per centinaia dimigliaia di euro di consumi non pagati a carico del Pagano.
Nel contempo sono scattate anche le manette ai polsi del vecchio pregiudicatoche, in considerazione dell'età, è stato posto, su disposizione della Procura dellarepubblica di Santa Maria Capua vetere, in regime di detenzione domiciliare inattesa del processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pregiudicato convertito ad agricoltore rubava la corrente: arrestato

CasertaNews è in caricamento