menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
114934_carabinieri_arresti

114934_carabinieri_arresti

Estorsioni nellagro caleno: due ordinanze di custodia cautelare in carcere ad affiliati del clan Ligato-Lubrano

Pignataro Maggiore - Nel corso della mattinata di ieri i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Capua hanno notificato un'ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dall'ufficio GIP – del Tribunale...

Nel corso della mattinata di ieri i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Capua hanno notificato un'ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dall'ufficio GIP - del Tribunale di Napoli, nei confronti di Sellitto Vincenzo, cl. 88, di Pignataro Maggiore (Caserta) e Cuccari Antonio, cl. 68, di Pastorano (CE), per tentata estorsione in concorso, con l'aggravante del metodo mafioso.Ai due, riconducibili alla criminalità organizzata locale di tipo camorristico, con riferimento specifico alla famiglia "Ligato - Lubrano" ed al clan "dei Casalesi", viene contestato il reato di tentata estorsione in danno di tre diversi imprenditori operanti nell'agro caleno, vittime di reiterate richieste estorsive poste in essere dai suddetti indagati mediante violenze e minacce.L'odierna ordinanza è stata loro notificata nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, ove si trovano reclusi già dal 7 Agosto u.s. allorquando, per gli stessi reati, fu emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, un Fermo del PM.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento