menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
080753_boomerang_carabinieri_ftv

080753_boomerang_carabinieri_ftv

'Hotel Boomerang', un albergo in disuso, trasformato in un supermarket all'ingrosso della droga: in cella 21 persone

Castel Volturno - I carabinieri hanno eseguito un'operazione nelle province di Caserta, Napoli e Latina per smantellare un'organizzazione dedita allo spaccio di droga: 21 persone sono state arrestate. A diciotto degli indagati è stata applicata...

I carabinieri hanno eseguito un'operazione nelle province di Caserta, Napoli e Latina per smantellare un'organizzazione dedita allo spaccio di droga: 21 persone sono state arrestate. A diciotto degli indagati è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere, a sette quella degli arresti domiciliari. Undici degli indagati per i quali è stata emessa misura cautelare, peraltro, erano già ristretti (in carcere o agli arresti domiciliari), essendo stati arrestati nel corso delle indagini con riferimento ad altri episodi di spaccio. Il gruppo era formato da cittadini italiani e africani e aveva la propria base logistica in un albergo in disuso a Castel Volturno (Caserta) trasformato in un vero e proprio supermarket della droga.
La vasta operazione è stata condotta dai Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere in esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura della Repubblica
L'indagine era stata avviata, nel 2012, in seguito al controllo di polizia operato nei confronti di un giovane tossicodipendente. Costui, escusso dai militari in merito alla sua condizione di assuntore di droga, aveva riferito di aver acquistato lo stupefacente, sia in quella occasione, sia in occasioni precedenti, da uno spacciatore di colore operante in Castel Volturno presso una struttura alberghiera denominata "Hotel Boomerang" (già Hotel Zagarella). Tale struttura, attualmente in disuso e in grave stato di abbandono e di degrado, era già nota agli investigatori in quanto era divenuta, nel tempo, ricettacolo e punto di incontro di tossicodipendenti e spacciatori, prevalentemente extracomunitari, e per questo già in passato sottoposta ad attività di osservazione.

Il successivo sviluppo delle indagini, che si è giovato, oltre che di un'efficace e continuativa attività di osservazione, pedinamento e controllo, anche di un'intensa attività di intercettazioni telefoniche, ha consentito di accertare che lo stupefacente veniva: lavorato e tagliato in Castel Volturno, presso l'abitazione di soggetti di origine africana e presso il citato "Hotel Boomerang", vero e proprio centro di smistamento di sostanze stupefacenti; ceduto a italiani provenienti soprattutto dalle province di Latina e Frosinone, che si recavano in Castel Volturno per acquistarlo (e che provvedevano successivamente a smerciarlo al dettaglio nelle zone di provenienza); in alternativa, trasportato e consegnato "a domicilio", fuori provincia, da parte di corrieri di nazionalità italiana, uomini e donne, che lo occultavano nelle parti intime.
Agli indagati, complessivamente ventisei (diciotto italiani e otto extracomunitari, di origine in prevalenza centro-africana: Ghana, Nigeria, Tanzania), sono stati contestati oltre cinquecento episodi di spaccio. Nel corso dell'attività erano già stati: eseguiti 12 arresti in flagranza di reato; recuperati e sottoposti a sequestro complessivi grammi 350 di eroina e circa 10.000 euro in contanti. Questa mattina, in occasione dell'esecuzione delle misure cautelari personali, è stato eseguito anche un decreto di sequestro preventivo, emesso dal GIP su richiesta di questo Ufficio, in relazione alla struttura fatiscente dell'ex Hotel Zagarella. L'intera operazione è da inquadrare nelle molteplici e instancabili attività investigative poste in essere dai carabinieri di Grazzanise e di Santa Maria Capua Vetere, coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, volte al contrasto delle attività di spaccio di sostanze stupefacenti in tutta la provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

Attualità

AstraDay, prenotazioni ‘accavallate’: l’Asl cambia gli orari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento