menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
074459_tubo-acqua

074459_tubo-acqua

Perforano tubo condotta idrica provocando violenta uscita dellacqua: vandali in azione durante la notte

Marcianise - Vandali perforano tubo condotta idrica provocando la fuoriuscita di acqua. E' accaduto la notte tra venerdì e sabato scorsi a Marcianise in via Giovanni Tartaglione, nei pressi di Corso Matteotti. Erano le 2.00 all'incirca quando...

Vandali perforano tubo condotta idrica provocando la fuoriuscita di acqua. E' accaduto la notte tra venerdì e sabato scorsi a Marcianise in via Giovanni Tartaglione, nei pressi di Corso Matteotti. Erano le 2.00 all'incirca quando almeno due persone a bordo di un motorino hanno divelto un tubo metallico della condotta idrica provocando la fuoriuscita immediata e violenta dell'acqua. I vandali poi sono scappati precipitosamente facendo perdere le proprie tracce. Sul posto, allertati dai residenti, sono intervenuti una volante della polizia municipale, i carabinieri e la polizia del locale commissariato. L'acqua, anche per via della forte pressione notturna, sgorgava in grande quantità raggiungendo il muro dell'abitazione di fronte. E' stato necessario l'intervento di un tecnico comunale e due ore di lavoro per arrestare la fuoriuscita d'acqua. Ora i carabinieri stanno cercando ricostruire l'accaduto anche perché pare che non sia la prima volta che queste persone provocano simili danneggiamenti. Lo stesso tecnico è dovuto intervenire qualche settimana fa anche in una delle stradine delle cosiddette "venelle", tra Via Santoro e Via Torri. Anche lì i vandali avevano bucato la condotta idrica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

  • Cronaca

    E' morto padre Angelo Gutturiello: era missionario in Burundi

  • Attualità

    Raffaele Cecoro eletto presidente dell'Ordine degli Architetti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento