menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
073411_pari_opportunita_caserta_zinzi

073411_pari_opportunita_caserta_zinzi

'Pari Opportunita' alla luce della legge Delrio', ieri il convegno nella Scuola Nazionale dell'Amministrazione

Caserta - "Scenari di governance territoriale alla luce della L. 56/14 (Legge Delrio) con particolare riguardo ai fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunità sul territorio provinciale", è il titolo del...

"Scenari di governance territoriale alla luce della L. 56/14 (Legge Delrio) con particolare riguardo ai fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunità sul territorio provinciale", è il titolo del convegno svoltosi ieri mattina nella Scuola Nazionale dell'Amministrazione, presso la Reggia di Caserta. Un tema quanto mai attuale e di ampio respiro, visto che il controllo dei fenomeni discriminatori e la promozione delle pari opportunità risultano essere tra le funzioni fondamentali assegnate alle Province, così come sono state ridisegnate dalla legge Delrio.
L'evento seminariale, organizzato dalla Consigliera di Parità, Francesca Sapone in collaborazione con l'assessore provinciale alle Pari Opportunità, Gabriella D'Ambrosio, ha visto la presenza del presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi e ha registrato i contributi di: Salvatore Massi, segretario generale Comune di Battipaglia; Camilla Bernabei, segretario provinciale CGIL Caserta; Teresa Marzano, rappresentante Cisl Caserta; Osvaldo Nastasi, rappresentante Uil; Ornella Petillo, segretario confederale Ugl; Gianfausto Iarrobino coordinatore regionale Anci - Presidente consigli Comunali; Antonio Carbone, consigliere dell'Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta; Rosa Bellopede, in rappresentanza della Direzione Territoriale Lavoro Caserta e Benevento. A moderare il seminario è stata Lidia Luberto, giornalista de 'Il Mattino'. In sala, grazie alla sensibilità dei dirigenti scolastici, anche una nutrita rappresentanza degli studenti del Liceo Classico Giannone, del Liceo Manzoni e dell'Ite Terra di Lavoro.
Il Ministro agli Affari Regionali ed autonomie locali Maria Carmela Lanzetta, tra le autorità invitate, non ha potuto presenziare all'incontro per improvvisi impegni istituzionali ma ha fatto pervenire agli organizzatori il suo personale saluto e il plauso per l'iniziativa."Questo evento - si legge nella missiva del ministro Lanzetta - è destinato a segnare una tappa importante nel percorso di attuazione della 'Legge Delrio', anche in vista del completamento delle altre importanti riforme che il Governo intende realizzare. Sono certa che ogni contributo sarà utile e prezioso per dare nuovo impulso a questa azione condivisa, innescando meccanismi collaborativi sempre più diffusi ed operativi". "La presenza del Ministro - ha dichiarato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi - avrebbe di certo contribuito a fornire un ulteriore spunto di discussione facendo luce su alcuni aspetti ancora oscuri della legge Delrio. La mancata chiarezza sulle funzioni che saranno attribuite alle Province impedisce di affrontare una serie di problematiche tra le quali proprio la riallocazione dei servizi e dei dipendenti dell'Ente". Nel corso del seminario si è discusso dei cambiamenti introdotti dalla legge e delle ripercussioni che produrrà a livello comunale e sovra comunale, all'interno dell'assetto territoriale regionale. Uno sguardo particolare è stato poi rivolto ai fenomeni discriminatori in ambito occupazionale, ma anche alla promozione delle pari opportunità sul territorio provinciale attraverso strumenti ed azioni tesi a contrastare le discriminazioni, il mobbing e la violenza a danno delle donne e delle persone svantaggiate, ciò anche alla luce della riforma Delrio che consente, tra l'altro, ai Comuni di stipulare convenzioni ed unioni per l'esercizio associato di funzioni o servizi di loro competenza."La Provincia di Caserta - ha dichiarato l'assessore provinciale Gabriella D'Ambrosio - è da sempre impegnata nella promozione delle pari opportunità sul territorio. Lo dimostrano la nomina stessa di un delegato alle Pari Opportunità e le tante iniziative intraprese come l'attivazione dello sportello anti discriminazione sul lavoro che è attivo presso la Dtl grazie a un protocollo di intesa tra la Provincia e la stessa Dtl, dello sportello della mediazione familiare, l'istituzione della commissione provinciale alle Pari Opportunità e del Cug (Comitato Unico di Garanzia). La legge Delrio ha certamente il merito di porre attenzione ai fenomeni discriminatori, il cui controllo è inserito tra le funzioni fondamentali delle nuove Province".
Al centro del dibattito anche l'articolo 137 della legge 56/14 che sottolinea la necessaria rappresentanza dei due sessi, in misura non inferiore al 40%, nelle giunte dei Comuni con popolazione superiore ai 3mila abitanti.

"Da domani - ha annunciato la consigliera di Parità Francesca Sapone - invierò missive ai Comuni che hanno visto di recente il rinnovo dei consigli comunali, per invitarli ad ottemperare alla normativa per quanto concerne la composizione della giunta. La presenza delle donne nelle squadre di governo è un elemento di pluralità e di completezza. In osservanza con le linee ministeriali, visto l'interesse manifestato dal ministro Lanzetta su questo argomento e alla luce dell'ottimo riscontro ottenuto con questo seminario, proseguirò su questa linea insieme a tutta la rete territoriale".
"Momenti di confronto come quelli di oggi - ha concluso il presidente Zinzi - sono fondamentali per accompagnare gli Enti e i sindacati verso il cambiamento prospettato dalla legge Delrio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento