menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
072923_assalto_caveau_tari_marcianise_ftv

072923_assalto_caveau_tari_marcianise_ftv

Banda armata assalta il caveau del Tari' ma arriva la polizia e i rapinatori scappano: recuperati 14 milioni di euro

Marcianise - Dal suo insediamento non era mai accaduto che il Tarì, il Centro Orafo ubicato all'interno dell'area industriale e commerciale dell'Asi di Marcianise, fosse stato oggetto di un vero e proprio assalto armato. Un furgone dei rapinatori...

Dal suo insediamento non era mai accaduto che il Tarì, il Centro Orafo ubicato all'interno dell'area industriale e commerciale dell'Asi di Marcianise, fosse stato oggetto di un vero e proprio assalto armato. Un furgone dei rapinatori è stato bloccato dalla Polizia della questura di Caserta, intervenuta subito sul posto con il supporto dei carabinieri. Il commando è entrato in azione puntando direttamente al caveau del Tarì dove con la minaccia delle armi si sono fatti consegnare i soldi dai dipendenti. L'allarme è partito dopo le telefonate dei vigilantes privati che montano di guardia alla sede del consorzio che evidentemente hanno notato movimenti strani. La banda che puntava al colpo grosso, ha utilizzato un furgone della vigilanza privata del tutto simile a quello in uso ad uno degli istituti di vigilanza privata in servizio al Centro per confondere le guardie giurate di servizio. Qualcuno però è riuscito a dare l'allarme e ciò ha interrotto l'erogazione di elettricità al cancello di uscita del Tarì. I banditi sono così rimasti bloccati all'interno con il furgone, ma hanno sfondato una prima sbarra e quindi il cancello blindato. Nel frattempo però sono stati intercettati dalla volante del Commissariato di Marcianise, e poco dopo hanno deciso di abbandonare il mezzo con il bottino e fuggire a piedi. I rapinatori si sono dati alla fuga nelle campagne portando probabilmente con loro parte della refurtiva. Sono state recuperate banconote e preziosi per un valore di 14 milioni di euro. Indagini serrate da parte della Squadra Mobile di Caserta che è ora a caccia dei banditi, almeno quattro, tutti italiani.
Tarì è un polo produttivo e fieristico di gioielleria, oreficeria, coralli e cammei, orologeria e accessori moda. Costruito nel 1994 e costato circa 300 miliardi di vecchie lire, il Tarì di Marcianise è il polo fieristico più grande d'Europa nel settore dell'oreficeria. Con i suoi 130 000 m² di aree espositive, attualmente ospita circa 400 aziende ed 80 espositori per un totale di 2500 posti di lavoro e con un fatturato annuo di circa 500 milioni di euro. Operativo dalla fine del '96, il Tarì rappresenta oggi un punto di riferimento indiscusso non soltanto nel mondo orafo nazionale, ma anche all'estero, tanto da giungere ad ingegnerizzare il proprio know how per offrire consulenza di alto livello a consorzi e realtà internazionali nascenti con gli stessi obiettivi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambina positiva, in quarantena compagni e 6 insegnanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento