menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
073312_dimartino_flocco

073312_dimartino_flocco

Estorsioni a ditta luminarie: due arresti clan casalesi

Caserta - Nelle prime ore di venerdì 24 maggio, nell'ambito di un'articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli - Direzione Distrettuale Antimafia, la Squadra Mobile di Caserta, diretta dal V.Q.A. dr...

Nelle prime ore di venerdì 24 maggio, nell'ambito di un'articolata indagine coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Napoli - Direzione Distrettuale Antimafia, la Squadra Mobile di Caserta, diretta dal V.Q.A. dr. Alessandro Tocco, ha eseguito un provvedimento di Fermo del P.M., emesso nei confronti di due indagati, gravemente indiziati di estorsione continuata, aggravata dalla metodologia mafiosa e dal fine di agevolare l'organizzazione denominata clan "dei Casalesi-fazione Schiavone".
L'attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile di Caserta contro i sodalizi camorristici attivi nell'agro aversano ne hanno constatato, nonostante i numerosi arresti operati dalle forze di polizia nei mesi scorsi, la criminale vitalità e pericolosità, in relazione alle ancora diffuse e capillari attività estorsive che i loro emissari continuano a condurre in danno di imprenditori e commercianti del comprensorio, evidenziando ancora una volta che tali condotte restano una delle principali fonti di sostentamento dell'organizzazione, oltre che strumento di controllo del territorio.

In particolare, le indagini, supportate anche da servizi di intercettazione, hanno appurato che gli emissari del clan si erano rivolti ad un imprenditore del settore dell'impiantistica elettrica e della installazione di luminarie pretendendo, ".. a nome degli amici di Casale...", al cui cospetto era stato perentoriamente convocato, il pagamento di una tangente per i lavori che gli erano stati commissionati in occasione delle feste patronali svoltesi nelle scorse settimane in alcuni comuni dell'agro-aversano.
I riscontri effettuati dagli investigatori permettevano di appurare che l'imprenditore aveva versato oltre 2 mila euro ai referenti del clan, che avevano preteso anche "una regalia" oltre alla somma estorta.I due arrestati, Flocco Raffaele, nato a Trentola Ducenta (Caserta) il 07.04.1973, ivi domiciliato, pregiudicato, e Di Martino Saverio, nato il 13.05.1985 ad Aversa, res. a Trentola Ducenta (CE), pregiudicato, dopo le formalità di rito erano stati associati alla Casa Circondariale di Santa Maria C.V. (CE) a disposizione dell'A.G. competente in attesa dell'udienza di convalida del provvedimento, tenutasi nella tarda mattinata di Sabato scorso, al termine del quale l'Ufficio Gip del Tribunale di Santa Maria C.V., condividendo pienamente le argomentazioni su cui si fondava il provvedimento pre-cautelare di Fermo emesso dalla D.D.A. di Napoli, convalidava la misura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Attualità

'AstraDay', il sito dell'Asl va subito in tilt per migliaia di accessi

social

Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

Attualità

La Brigata dei vaccini festeggia le 100mila dosi in 2 mesi | FOTO

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Schianto in moto, muore centauro | FOTO

  • Attualità

    Assistenza domiciliare in crisi: “Non si muore solo di Covid”

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    ‘Gomorra 4’ sbarca negli Usa, Saviano: “Ce pigliamm pur’ l’Ammeric!”

  • social

    Gomorra 5, riprese nel Casertano: fan in delirio

  • social

    Paura per Awed: sviene all'Isola dei Famosi: "Dimagrito troppo"

Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento