menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
073000_Mandich

073000_Mandich

Esperta in furti di appartamenti: finisce in cella 22enne

Castel Volturno - Nella serata di martedì, a Castel Volturno, in via Fiume Dora Baltea nr.44, personale del Commissariato di Castel Volturno, diretto dal Vice Questore Agg. d.ssa Carmela D'AMORE, in esecuzione di un Ordine di carcerazione, emesso...

Nella serata di martedì, a Castel Volturno, in via Fiume Dora Baltea nr.44, personale del Commissariato di Castel Volturno, diretto dal Vice Questore Agg. d.ssa Carmela D'AMORE, in esecuzione di un Ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna, ha tratto in arresto la cittadina serbo-montenegrina Mandich Roxana, di anni 22.

La stessa, con le generalità di Jovanovic Rosana, era già sottoposta agli arresti domiciliari a Castel Volturno, in esecuzione dell'Ordinanza di applicazione di misura cautelare perché gravemente ritenuta responsabile di furto.
"La Mandich Roxana - è spiegato in un comunicato stampa a firma del commissariato di Castel Volturno - che, per i suoi specifici precedenti, può essere considerata un vero e proprio "topo d'appartamento", in passato è già stata arrestata in numerose città italiane, fornendo, di volta in volta, diverse generalità allo scopo, chiaramente, di eludere o quantomeno rendere il più difficoltoso possibile le investigazioni da parte delle FF.OO.. La scrupolosa ed al tempo stesso attentissima analisi delle Banche dati del Ministero dell'Interno, condotta dagli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Castel Volturno che, proprio in considerazione dell'ormai invalso costume da parte dei pregiudicati stranieri di fornire, nelle occasioni in cui incorrono nei controlli di polizia, sempre diverse generalità, stanno concentrando i loro sforzi investigativi, anche incrociando i diversi dati, su questo fronte, ha permesso di assicurare alla giustizia la donna. I suoi tentativi di sfuggire all'arresto si sono rivelati vani una volta proceduto alla comparazione delle impronte, che l'hanno inchiodata alle sue responsabilità. La Mandich, che dovrà scontare la pena di anni uno e mesi sei di reclusione, perché riconosciuta colpevole di furto in abitazione, è stata associata, una volta ultimate le formalità, presso la Casa Circondariale di Avellino".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

  • Attualità

    Raffaele Cecoro eletto presidente dell'Ordine degli Architetti

  • Cronaca

    E' morto padre Angelo Gutturiello: era missionario in Burundi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento