Nascondeva pistola sotto al cuscino: deferito pregiudicato 59enne

Roccamonfina - Gli uomini del commissariato di Polizia di Stato di Sessa Aurunca diretto dal vice questore Giovanni Stagliani - a Filorsi – frazione di Roccamonfina – hanno eseguito attività di perquisizione presso il domicilio di D.M.M...

080218_polizia

Gli uomini del commissariato di Polizia di Stato di Sessa Aurunca diretto dal vice questore Giovanni Stagliani - a Filorsi – frazione di Roccamonfina – hanno eseguito attività di perquisizione presso il domicilio di D.M.M., cinquantanovenne. Questi, già noto all'ufficio per i suoi legami con il clan camorristico degli Esposito e sottoposto in passato alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, era stato già oggetto di analoghe perquisizioni che avevano condotto al ritrovamento e sequestro di armi e munizioni.Da anni D.M.M. si era ritirato a vita privata nella frazione di Roccamonfina tenendosi apparentemente fuori da attività illecite, ma evidentemente non deve aver rotto i legami con il suo turbolento passato criminale in quanto gli operatori della squadra di polizia giudiziaria del commissariato di Sessa Aurunca, a seguito di specifica attività infoinvestigativa hanno nuovamente attenzionato il vecchio pregiudicato giungendo alla conclusione che lo stesso ostentasse, in pubblico, il porto di una pistola al fine di incutere timore negli abitanti della tranquilla località montana.La conferma è giunta a seguito della perquisizione quando gli agenti hanno rinvenuto, celata sotto il cuscino del letto del pregiudicato, una riproduzione perfetta in ogni particolare di forma, colore e peso di una pistola Beretta F92, del tutto identica a quella in uso alle forze di polizia, completa di caricatore con 12 colpi a salve e priva del previsto tappo rosso.
L'uomo non e' stato evidentemente in grado di giustificare la detenzione dell'arma ed e' stato accompagnato presso gli uffici del commissariato di sessa e deferito a piede libero alla procura della repubblica di S. Maria C.V. L'arma, sottoposta a sequestro probatorio, sarà oggetto di accertamenti balistici tesi a verificare se sia stata o meno modificata ed in grado di sparare proiettili veri.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento