Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Capitaneria di Porto scopre due aziende bufaline 'lager': denunciati i due titolari per danni ambientali e maltrattamento animali

Villa Literno - Erano state trasformate in autentici "lager", secondo gli inquirenti, due aziende zootecniche di Villa Literno (Caserta) poste sotto sequestro dalla Capitaneria di Porto di Napoli con il coordinamento della Procura della Repubblica...

070640_guardia_costiera_ftv

Erano state trasformate in autentici "lager", secondo gli inquirenti, due aziende zootecniche di Villa Literno (Caserta) poste sotto sequestro dalla Capitaneria di Porto di Napoli con il coordinamento della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. I titolari di due aziende zootecniche di Villa Literno (Caserta) sono stati denunciati per i reati di maltrattamento di animali, illecito smaltimento di rifiuti e smaltimento di rifiuti liquidi non autorizzata (articolo 256 del Testo Unico Ambientale). In tutto nelle due aziende ci sono 1.200 bufale. 3.500 metri quadrati di superficie a cielo aperto di reflui. Erano tutti provenienti da una azienda zootecnica di Castel Volturno. I liquami venivano accantonati senza alcun sistema di contenimento e impermeabilizzazione. Un laghetto, costituito prevalentemente da deiezioni di bovini le quali, a causa dell'inclinazione del terreno, confluivano in un vicino corso d'acqua e da qui nel lago Patria.
L'intervento operato da settanta militari della Guardia Costiera della Capitaneria di Porto di Napoli, congiuntamente al personale degli uffici marittimi di Castel Volturno e Mondragone (CE), ha consentito di rilevare altre gravi irregolarità in un secondo allevamento di bufale. In un'area adiacente all'azienda venivano rinvenuti cumuli di carogne di vitelli ed annutoli in putrefazione. Gli annutoli, sono i neonati maschi del bufalo. La carne di questo animale non ha valore. Di fatto inutili per le finalità dell'allevamento, ovvero la famosa mozzarella, capita sovente che vengano fatti morire di inedia. Ad aggravare la situazione, almeno sotto il profilo ambientale, l'assenza di ogni impermeabilizzazione utile a proteggere la falda dagli umori della decomposizione. Indagini sono in corso anche presso il comune di Villa Literno per acquisire ulteriori elementi sulla proprietà di alcuni terreni confinanti alle due masserie sequestrate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitaneria di Porto scopre due aziende bufaline 'lager': denunciati i due titolari per danni ambientali e maltrattamento animali

CasertaNews è in caricamento