rotate-mobile
Giardino

Invasione di zanzare anche in autunno: ecco perché e cosa fare

Il caldo 'anomalo' sta aiutando le zanzare in questi giorni ma bisogna agire subito per non averne ancora di più il prossimo anno

La colonnina di mercurio rimane sopra la media stagionale e le zanzare risultano presenti in massa, nonostante manchino ormai pochi giorni all'arrivo di novembre. A pesare in questa fase è la proliferazione della 'classica' zanzara tigre, favorita dall'aumento termico seguito alle piogge degli scorsi mesi, e per evitare una massiccia proliferazione di insetti il prossimo anno è fondamentale agire ora. Secondo gli esperti infatti le zanzare che si muovono in questi giorni stanno deponendo le uova che poi sopravvivranno all'inverno, schiudendosi con l'arrivo della prossima primavera. Per questo è importante, sia all'inizio che nella fine della stagione, operare con l'anti-larvale, per far sì che da queste uova escano poche zanzare, per evitare un effetto acascata il prossimo anno. 

In ogni caso in questo momento bisogna affidarsi alle previsioni meteo per capire quando la presenza degli insetti finalmente scenderà. In base alle previsioni attuali dovremo osservare un calo drastico della presenza di zanzare sul territorio a partire da metà novembre. 

Per evitare di allevare il “nemico” in casa propria, può essere utile seguire alcuni accorgimenti e adottare rimedi semplici e naturali. Anche se generalmente considerate innocue, le zanzare possono essere infatti vettori di diverse malattie e infezioni. Ecco allora alcuni consigli per tenerle lontane, soprattutto in questa stagione.

Come allontanare le zanzare con rimedi naturali

Non tralasciare la pulizia del giardino, del davanzale fiorito o del terrazzo. Bisogna fare attenzione all’erba troppo alta e agli accumuli di foglie, fonti di umidità, mentre sul balcone è importante ricordarsi di svuotare grondaie, sottovasi e annaffiatoi: le zanzare tendono a deporre le uova nelle fonti d’acqua, quindi il ristagno potrebbe attirarle e favorirne la riproduzione. Meglio prediligere contenitori che possano essere svuotati facilmente e coprire ermeticamente quelli da cui non è possibile eliminare i ristagni. È una buona idea quella di abbellire esterni ed interni con piante e fiori che, grazie ai loro principi attivi, svolgono la funzione di repellenti contro questi infestanti, come calendula, lavanda e citronella, ma anche le classiche erbe aromatiche, sempre utili in cucina, e persino l’erba gatta.

Utilizzare correttamente i teli di plastica: l’acqua ristagna facilmente sui teli dopo la pioggia, in quanto la plastica è impermeabile e non traspirante e fornisce alle zanzare l’umidità e il calore necessari alla loro riproduzione. Stessa cosa avviene negli ambienti umidi le cantine, le soffitte e le zone più nascoste della casa, luoghi spesso ideali di riproduzione e svernamento delle zanzare e che vanno perciò regolarmente controllati e puliti.

Non dimenticare i 'rimedi della nonna'

Non dimenticarsi dei “rimedi della nonna”: non tutti sanno, ad esempio, che il caffè e il suo aroma possiedono straordinarie capacità repellenti. Conservando alcuni fondi di caffè all'interno di un contenitore aperto per circa una settimana e, successivamente, spargendoli in corrispondenza di porzioni di terreno o di acqua stagnante, è possibile ridurre o anche evitare le infestazioni: le sostanze contenute nel caffè, infatti, riescono ad eliminare le larve di zanzare non ancora sviluppate. L’olio di semi di sesamo, applicato sui polsi e sul collo come un profumo, è un rimedio naturale che deriva dalla medicina popolare cinese, che lo considera sgradito alle zanzare. Anche posizionare una ciotola con limone, aceto, cipolla e chiodi di garofano fuori dalla finestra può funzionare, grazie alle particolari proprietà repellenti della cipolla.

Prediligere abiti di colori chiari ed evitare profumi particolarmente elaborati per evitare le punture, oltre ad applicare sulla pelle prodotti repellenti specifici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Invasione di zanzare anche in autunno: ecco perché e cosa fare

CasertaNews è in caricamento