Il bianconero nero su bianco

Il bianconero nero su bianco

Juvecaserta, è corsa contro il tempo: Michelori, Czyz e Siva restano il 'vero scoglio'

Gli è stato proposto di spostare il pagamento delle proprie spettanze sul bilancio della prossima stagione

Andrea Michelori con la maglia della Juvecaserta

Sono ore di affanno ed alacre lavoro in quel del PalaMaggiò per cercare di rimettere in carreggiata la Juvecaserta ed evitare l’esclusione dalla prossima A2. Il club che da poco più di un mese fa capo al nuovo Presidente Nicola D’Andrea è riuscito ad ottenere tutte le liberatorie da parte di staff e giocatori della scorsa stagione, meno quelle dei due americani, che dovrebbero arrivare nel pomeriggio. Tali liberatorie sono semplici documenti in cui gli ex tesserati dichiarano di non dover ricevere più alcuna somma da parte del sodalizio casertano.

Ma se c’è ottimismo a Pezza delle Noci riguardo questo scoglio, ciò che fa più tremare le ginocchia è invece l’annosa questione dei tre BAT che la società è stata condannata a pagare e che fanno riferimento addirittura al fallito Basket Juvecaserta Srl. Il tribunale FIBA ha infatti ritenuto che ci fosse continuità tra la vecchia società ed il nuovo Sporting Club Juvecaserta, visto che i colori sociali, il campo da gioco, il proprietario e l’organigramma societario erano i medesimi. Una farsa tale che neanche a Pierino sarebbe venuto in mente di metterla in piedi. Il passato e la sua sciagurata gestione saranno dunque gli artefici, con molta probabilità, di due fallimenti in 36 mesi. Un vero record senza precedenti.

Le residue possibilità di continuare a vedere un pallone rimbalzare all’interno del PalaMaggiò sono dunque tutte sulle spalle di Michelori, Siva e Czyz, cui è stato proposto di spostare il pagamento delle proprie spettanze sul bilancio della prossima stagione, in modo da riuscire a passare indenni la revisione della ComTec.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

V’è da dire che i tre al momento sono indispettiti in quanto la prima rata del pagamento, a quanto sappiamo, non è stata rispettata; è pur vero che i tre accettando tale opzione possono sperare di recuperare questi danari. In caso di un nuovo fallimento è fortemente probabile che i loro crediti svaniscano come un ghiacciolo in queste afose giornate di fine luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • “Avremo 5mila contagi in 4 settimane”, l'allarme di De Luca

  • Nel casertano si torna a morire e c'è un nuovo picco di contagi per Covid-19

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento