rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Salute Marcianise

L'ospedale Guerriero ha il suo 'gemello digitale': "Così ottimizziamo i costi"

E' il primo immobile destinato ad avere un “Twin Model”

Un modello virtuale, completo in ogni dettaglio dell’ospedale di Marcianise: è quello che è stato realizzato dal Consorzio Universitario Benecon, diretto dal professor Carmine Gambardella. Si tratta del primo “gemello digitale” realizzato dall’Asl di Caserta.

Un gemello digitale è un modello virtuale di un oggetto fisico (in questo caso un intero ospedale) che accoglie e gestisce delle informazioni in grado di migliorare le performances totali della struttura ospedaliera. Si tratta di un processo valido sia per la fase di costruzione che, soprattutto, nella fase di gestione e manutenzione.

La rappresentazione digitale è destinata a seguire l’intero ciclo di vita dell'edificio ed è la base di un vero e proprio “modello digitale vivente” dell’ospedale: esso utilizza i dati rilevati sull'oggetto per simularne il comportamento e monitorare le operazioni. Viene inoltre utilizzato per simulare differenti scenari e osservarne i risultati nel tempo.

L’altro giorno, alla presenza di Amedeo Blasotti, Direttore Generale dell’ASL di Caserta, è stato presentato l’esito del progetto sperimentale ormai completato in tutti i dettagli. Il progetto, sviluppato in modo sperimentale in tandem con l’Ufficio Edilizia Ospedaliera dell’ASL di Caserta, ha come obiettivo l’ottimizzazione di costi e risorse destinati alla struttura. Il tutto allo scopo di garantire un ciclo di vita dei nuovi progetti più breve, ed avere una gestione migliorata delle strutture: l’obiettivo dell’Asl infatti è quello di garantire un efficientamento del budget di spesa della filiera tecnica operativa degli ospedali, nell’ottica di un migliore servizio al cittadino.

Il modello sarà gestito e controllato dagli addetti ai lavori e consentirà la navigazione libera dell’intera struttura: ogni suo elemento materiale ed immateriale potrà essere interrogato in maniera interattiva. Il gemello digitale avrà quindi la caratteristica di essere integrato nella manutenzione e gestione automatizzati della struttura. Queste procedure consentiranno di ottimizzare i processi di intervento programmatico ed il monitoraggio dei servizi e degli spazi presenti. Il progetto presentato è decisamente all’avanguardia sul piano nazionale.

L’ospedale di Marcianise rappresenta solo il primo immobile destinato ad avere un “Twin Model”: “Nei programmi dell’Asl di Caserta – aggiunge infatti il direttore generale Blasotti - c’è l’idea di procedere alla digitalizzazione dell’intero patrimonio edilizio della nostra azienda, tracciando così la direzione di un forte rinnovamento gestionale ed operativo in ambito edilizio”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ospedale Guerriero ha il suo 'gemello digitale': "Così ottimizziamo i costi"

CasertaNews è in caricamento