rotate-mobile
Salute

Infermieri senza Pec rischiano la sospensione

La comunicazione del presidente dell'Ordine Mona dopo la firma del decreto legge da parte del Governp

Pec e obbligo di comunicazione all'ordine: gli iscritti all'ordine degli infermieri rischiano la sospensione se non la comunicano. E’ stato questo il messaggio che l’OPI – Ordine delle Professioni Infermieristiche di Caserta, ha trasmesso ai propri iscritti dopo che, dopo l’entrata in vigore del decreto legge, ha previsto sanzioni per i professionisti che non comunicano la propria Pec al proprio Ordine di appartenenza, non tutti avevano adempiuto all’obbligo.

L’Ordine, di conseguenza, in persona del suo presidente Gennaro Mona si è visto costretto, come prescrive la stessa citata norma, ad inviare la diffida ad adempiere entro il termine di giorni trenta, pena la sospensione dall’iscrizione all’albo che, com’è noto, è requisito essenziale per poter esercitare la professione. Il risultato è stato che una vasta percentuale di quelli che non avevano ancora ottemperato all’obbligo di legge di comunicare il proprio domicilio digitale, si è subito rivolto allo stesso Ordine per l’attivazione in convenzione della PEC, fornita nella prima fase gratuitamente.

L’OPI di Caserta, per il tramite del suo legale rappresentante non può non esprimere il proprio plauso nei confronti degli iscritti che hanno dimostrato di aver preso coscienza della importanza di munirsi della propria PEC. Nel contempo ha piena fiducia che la residua parte degli iscritti ancora inadempienti, si rendano conto che, perdurando il loro comportamento, l’Ordine non avrà altra scelta che quella di adottare i provvedimenti di sospensione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermieri senza Pec rischiano la sospensione

CasertaNews è in caricamento