L'Ail dona apparecchiature al reparto di pediatria dell'Ospedale Sant'Anna e San Sebastiano

La donazione delle attrezzature che saranno impiegate per la cura dei neonati ammonta a ben 6300 euro

Tre cover per incubatrice neonatale, tre cover per la fototerapia, due ausili di posizionamento permeabile per la fototerapia, diciotto nido di posizione per letti riscaldati, cinque cuscini e due attenuatori di rumore per neonati: il tutto per un totale di oltre 6.300 euro. E' questa l'entità della donazione che l’Associazione italiana contro le leucemie-i linfomi e il mieloma, Sezione di Caserta “Valentina Picazio” ha rivolto all'azienda ospedaliera Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta, diretta dal commissario straordinario Carmine Mariano.

In particolare, questi beni sono destinati al Dipartimento di Pediatria - U.O.C. Pediatria e l'U.O.C. Assistenza Neonatale e Terapia Intensiva, afferenti al Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino. A breve si procederà alla materiale consegna dei beni. ​

"Ad ampliamento e nel solco di quella continuità di iniziative tese a favorire l'Azienda ospedaliera di Caserta, oltre alla U.O.C. di Ematologia ad indirizzo oncologico, diretta dal dottore Ferdinando Frigeri, l'Ail Caserta ha inteso dare corso ad una prima iniziativa in favore del Dipartimento di Pediatria iniziando dalla U.O.C. di Neonatologia e Terapia Intensiva, diretta dal dottore Italo Bernardo, in accoglimento di alcuni bisogni logistici del reparto. L'iniziativa, iniziando da un semplice supporto ai bambini più piccoli, si colloca in un più vasto ipotesi progettuale, in corso di definizione, che vedrà l’Ail Caserta impegnata a favorire il neo costituito Ambulatorio Ematologico pediatrico", dichiara il presidente dell'Ail di Caserta Fulvio Picazio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento