menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuole chiuse ma ludoteche aperte in zona rossa, scoppia la protesta

Le associazioni di categoria: "Siamo davanti a una disparità di provvedimenti che si fa davvero fatica a comprendere"

Scuole chiuse ma ludoteche aperte. Scoppia la protesta dopo l'entrata in vigore del Dpcm del 2 marzo, che ha disposto la chiusura di tutte le scuole in zona rossa mentre ha autorizzato l'apertura delle ludoteche. A sollevare la questione sono le associazioni di categoria Servizi Infanzia Campania (Sic), Confapi Scuole Paritarie Campania, con l'appoggio dell'associazione Scuole Aperte Campania: ''Siamo davanti a una disparità di provvedimenti che si fa davvero fatica a comprendere - affermano - Nell'ottica della tutela della salute, non si capisce come ciò sia possibile".

Le associazioni, presiedute da Katia Mascolo (Sic), Valentina Ercolino (Confapi-Scuole paritarie Campania) e Palmira Pratrillo (Scuole Aperte Campania) sottolineano che "non si comprende, altresì, come mai i servizi educativi privati e paritari 0/6 anni si siano visti negare la possibilità di attivare all'interno delle proprie strutture centri ludico-ricreativi, riducendo il tutto alla mancata presenza in visura camerale del codice ateco 93.29.90.".

"Non vogliamo in alcun modo ledere l'attività dei gestori delle ludoteche - precisano le associazioni - ma vogliamo evidenziare ancora una volta l'incoerenza con cui è applicata la norma. Segnaliamo, inoltre, una questione ancora più grave relativa al personale delle ludoteche che non è stato inserito di diritto nella campagna vaccinale. Riteniamo che tale scelta sia davvero scellerata, dal momento che questo comparto ha a che fare con la stessa utenza dei servizi educativi e scolastici 0/6 anni. Quindi, ad oggi, il personale scolastico risulta vaccinato ma non può operare, il personale delle ludoteche non può vaccinarsi, pur volendo, ma può operare. Eppure entrambe le categorie hanno investito in adeguamenti, dispositivi di protezione, procedure di sanificazione quotidiana, aumento personale e riduzione numero di bambini'', concludono. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento