rotate-mobile
Attualità

Un fondo per chiudere il dissesto, Zinzi: "Finalmente il Comune si muove"

Il capo dell'opposizione di centrodestra: "L'amministrazione costretta a darci ragione. Come sul biodigestore"

“La formulazione di un piano di alienazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale per noi è sempre stata un’azione necessaria per contribuire al risanamento delle finanze locali”. Lo afferma in una nota il consigliere comunale di opposizione del centrodestra Gianpiero Zinzi commentando la notizia, riportata questa mattina da Casertanews, della volontà intrapresa dall’amministrazione retta da Carlo Marino di affidare alla Invimit la possibilità di creare un fondo immobiliare per “recuperare crediti” per poter chiudere il dissesto finanziario.

“Siamo lieti che l’amministrazione Marino abbia finalmente preso coscienza della drammatica situazione finanziaria in cui versa il Comune di Caserta” ha aggiunto Zinzi. “E che lo abbia fatto affidandosi alla società INVIMIT, con la quale noi avevamo già avviato una interlocuzione nei mesi precedenti alla campagna elettorale grazie anche all’ottimo rapporto con il presidente Nuccio Altieri”.

“Dopo la vicenda relativa alla revoca del finanziamento per il biodigestore, la lettera di intenti sottoscritta dal Comune di Caserta e dalla società INVIMIT rappresenta il secondo punto sul quale questa Amministrazione è costretta a darci ragione” ha chiosato il capo dell’opposizione di centrodestra al Comune di Caserta nonché  capogruppo della Lega in Regione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un fondo per chiudere il dissesto, Zinzi: "Finalmente il Comune si muove"

CasertaNews è in caricamento