"Ora vedrò pagare chi ha fatto queste porcate". D'Angelo esce allo scoperto | VIDEO

L'ex vice sindaco, indagato per voto di scambio, parla in conferenza dopo la lettera della sua grande accusatrice che ritratta tutto. "Ho visto i miei genitori piangere per tre mesi, mi ha fatto molto male. Perdono? Attendiamo la fine dell'incubo..."

L'ex vice sindaco Danilo D'Angelo e l'avvocato Gravante

“Alla luce delle ultime novità, della lettera che abbiamo appreso dai giornali, abbiamo iniziato a vedere un po’ di luce in fondo al tunnel”. Danilo D’Angelo, ex vice sindaco di Casagiove, ha aperto così la conferenza stampa nella quale ha affrontato la delicata vicenda legale (relativa all'indagine per voto di scambio) che lo vede coinvolto e che negli ultimi giorni ha avuto una svolta inattesa. D’Angelo parla, mentre seduto accanto c’è sul suo avvocato, Luigi Gravante, “che è diventato un po’ anche il mio psicologo in certi momenti” ha sottolineato. 

GUARDA IL SERVIZIO VIDEO

L’attuale consigliere comunale di opposizione, membro del gruppo ‘Casagiove nel Cuore’, è attualmente indagato per voto di scambio dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. “Le indagini sono chiuse - ha spiegato il legale - ed attendiamo la richiesta di rinvio a giudizio. E’ chiaro che, alla luce di questa lettera, che è agli atti delle indagini, posso pensare che la Procura possa adottare anche un altro tipo di provvedimento (l’archiviazione, nda) ma bisogna comunque attendere le decisioni che saranno prese”. Sottolineando, però, che "questa ritrattazione ha un peso specifico fondamentale".

LA GRANDE ACCUSATRICE RITRATTA TUTTO: LA LETTERA

Danilo D’Angelo si è invece focalizzato sulla vicenda politica che si sarebbe dietro la denuncia, poi ritrattata, di Rosa Palmiero. “Leggere di un piano per far fuori un politico che non si piega a degli interessi è davvero brutto. Queste cose non dovrebbero mai accadere. Hanno approfittato di chi oggi ha bisogno, li hanno sfruttati invece di tendere la mano verso di loro”. 

VIDEO | "MI ASPETTAVO UN INTERVENTO DEL SINDACO..."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ex vice sindaco racconta anche i minuti un cui venerdì sera ha appreso della lettera: “La cosa che più mi ha fatto male è la frase ‘devi umiliare quel ragazzo’. E poi mi ha fatto riflettere leggere che ci sarebbero persone che hanno gli stessi interessi”. Ed ora? “Ora non mi resta che attendere la verità ed io me la godrò seduto a casa mia, mentre vedrò gente che ha fatto delle porcate inaudite pagare per quello che ha fatto”.

E sulla possibilità di 'perdonare' la sua accusatrice, afferma: "E' difficile decidere adesso, che tutto ancora non è chiuso. Ho visto i miei genitori piangere per tre mesi e questo mi ha fatto tanto male. Certo, ho avuto un insegnamento cattolico-cristiano e quindi il mio animo mi porterebbe su quella strada. Ma per ora credo di non poter ancora dire di averlo fatto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

Torna su
CasertaNews è in caricamento