rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Attualità Sessa Aurunca

Raid violenti in centro, il sindaco annuncia il pugno duro

Di Iorio: “Aumenteremo i controlli e la videosorveglianza”

L’escalation di violenza che si è verificata negli ultimi giorni a Sessa Aurunca sembra spingere verso una “presa di coscienza reale”. Dopo la denuncia pubblica del vescovo Orazio Piazza, il sindaco Lorenzo Di Iorio ha annunciato la stretta: “Faccio immediatamente mia la nota del nostro Vescovo e rassicuro la cittadinanza che il tema della sicurezza urbana si sta affrontando, già in queste ore, in modo adeguato, con durezza e fermezza”.

Per il primo cittadino “quanto accaduto la scorsa notte è intollerabile e provo tantissima rabbia; è un problema di cui dobbiamo farci carico e certamente faremo la nostra parte. La Città, e non solo questa, ha il diritto di vivere come comunità civile, nel rispetto delle regole e della convivenza”. Per questo motivo “in accordo con il Comandante dei Vigili Urbani - ha aggiunto - metteremo in campo tutte le nostre risorse a disposizione per monitorare il territorio. Implementeremo il servizio di video sorveglianza, le immagini riprese la scorsa notte sono già in visione degli inquirenti, soprattutto nelle zone più a rischio; saranno assicurati presìdi stabili nei punti maggiormente affollati e fatte realmente rispettare le ordinanze sul divieto di consumazione di alcolici nelle aree pubbliche dalle 22:00 alle 6”.

Di Iorio aggiunge: “Adotterò, dunque, tutti i provvedimenti e le misure che saranno nelle mie facoltà di Sindaco per prevenire in futuro situazioni simili; c’è bisogno, oltre i controlli, di sostenere un’adeguata cultura e maggiore consapevolezza. Tutte le Istituzioni devono essere in condizione di fare la propria parte; la cultura del rispetto e della legalità devono essere al centro dell’azione educativa, promuovendo la lotta alla violenza in ogni sua forma”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid violenti in centro, il sindaco annuncia il pugno duro

CasertaNews è in caricamento