Il sindaco vieta i falò di Ferragosto

L'ordinanza del sindaco che ha negato l'accensione di fuochi sulle spiagge

Vietati i falò in spiaggia

Disposto dal sindaco facente funzioni di Cellole, Giovanni Iovino, il divieto dal 14 al 16 agosto, sugli arenili liberi e le spiagge del territorio, di detenere a qualsiasi titolo legna, carbone, carbonella e qualsiasi altro materiale che possa servire all'accensione dei fuochi ed inoltre di campeggiare, bivaccare ed accendere i fuochi.

L'ordinanza firmata questa mattina, come lo scorso anno, è scaturita dal fenomeno di intrattenersi oltre l'orario della balneazione per campeggiare e accendere falò. Il fenomeno assume caratteri intollerabili nelle notti dal 14 al 16 agosto, con problematiche registrate negli anni precedenti, di sicurezza pubblica e privata e di igiene pubblica dovute all'abbandono indiscriminato dei residui delle accensioni dei falò sulle spiagge.

Di qui il divieto di accensione dei falò, per evitare un danno per l'ambiente, in particolare in prossimità delle dune con cespugli o della pineta per il rischio di incendi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento