rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Attualità

Il vice ministro a Caserta: "Servono investimenti sulla sicurezza delle scuole"

Anna Ascani ospite dell'evento organizzato da Camilla Sgambato

"Questa iniziativa di oggi ed altre che seguiranno sono un segno di una nuova stagione per la scuola. Il primo problema che affronteremo è quello della sicurezza e l'edilizia scolastica, un'emergenza che tocca tutte le famiglie italiane. Un'emergenza che si affronta con strumenti di emergenza. C'è bisogno di una legge quadro e con un accordo che va condiviso con tutti i partiti  perché i soldi non rimangano nei cassetti e siano utilizzati dagli enti locali con leggi speciali per andare  più veloce con i tempi e fare in modo che non passino più due anni per mettere la prima pietra in una scuola". Lo detto questa sera il viceministro all'Istruzione, all'Università e alla Ricerca Anna Ascani, al centro sociale Sant'Agostino a Caserta nel corso di un incontro organizzato  dalla responsabile nazionale scuola del Partito Democratico Camilla Sgambato alla presenza di numerosi operatori ed i protagonisti del mondo della scuola.

"Una scuola moderna, inoltre, non può essere ispirata al libro Cuore o al modello Gentile. Un modello che oggi i ragazzi si attendono è diverso perché un altro punto che bisogna affrontare è la formazione degli insegnanti - ha spiegato il viceministro-  Bisogna avere dei fondi per formare tutti gli insegnanti perché l'insegnante è una figura cruciale della società".

"Infine, il rapporto con le famiglie. Ricostruire il rapporto con l'insegnante per ridargli l'autorevolezza e soprattutto affrontare il problema della dispersione scolastica. Pensiamo ad una scuola aperta e punto di riferimento della società al di là dell'insegnamento dell'educazione civica di cui dobbiamo scrivere le linee guida".  

Il vice ministro non ha manco di affrontare anche il nodo dei precari: “La qualità della formazione dei nostri figli non è migliore se continuano ad avere troppi supplenti. Lo so che  con un concorso straordinario non risolveremo il problema. Ma i 120mila supplenti di quest'anno sono un record. Bisogna ridurre questa malattia della scuola. Chi ci ha preceduto ha fatto un miracolo, hanno fatto tanti danni in 15 mesi, un vero record. Un danno che pagano i bambini e i ragazzi".

Camilla Sgambato responsabile nazionale scuola Pd e presidente provinciale del partito a Caserta ha chiuso i lavori dell'incontro affermando: "Noi siamo dalla parte delle famiglie e di chi lavora. Solo un intervento con una forte sinergia  a diversi livelli istituzionali, famiglia e docenti compresi, potrà garantire un'adeguata offerta formativa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vice ministro a Caserta: "Servono investimenti sulla sicurezza delle scuole"

CasertaNews è in caricamento