menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il secondo tratto di viale Lincoln

Il secondo tratto di viale Lincoln

Viale Lincoln a senso unico, petizione dei residenti

Chiesto il ripristino del doppio senso fino a via Sant'Antonio

Una petizione per ripristinare il doppio senso di marcia nel secondo tratto di viale Lincoln almeno fino all'incrocio con via Sant'Antonio. E' quanto hanno chiesto i residenti in una nota indirizzata al sindaco in cui vengono ribadite le difficoltà che il nuovo piano traffico, istituito in zona lo scorso mese di agosto, ha su tutto il sistema stradale delle località Falciano e San Benedetto. 

"Lo spostamento veicolare da e per il centro città per tali residenti è diventato una gimkana avendo due alternative che sono difficili sul piano dell’inquinamento, della sicurezza e dell’economia - si legge nella missiva - Basti pensare, per esempio, che un residente di via San Nicola per arrivare con l’auto alla vicina via Unità d’Italia è costretto ad arrivare o fino al sottopasso di viale Lincoln-via Ferrarecce intasando ulteriormente il quartiere Acquaviva, già al collasso soprattutto nelle ore di punta, o alla prima rotonda di via Sossietta Scialla, prendendo una via della zona Pip, ancora non del tutto aperta al traffico veicolare e non ancora messa in sicurezza con illuminazione carente, marciapiedi con tombini coperti a posticcio con mattonelle, con pali in cemento portanti corrente elettrica ad alta tensione in mezzo alla carreggiata e segnaletica carente".

Considerato che "in altre zone di Caserta le strade si presentano ancora più strette della via in questione" ed anche il fatto che "per gestire una problematica di un piccolo tratto di strada dove insistono attività che creano rallentamenti della carreggiata si sia intervenuti su tutto viale Lincoln II tratto (un chilometro e duecento metri di strada), visto che nel tratto di strada in località San Benedetto, insistono attività commerciali che in questi mesi hanno perso parte del loro guadagno per causa anche di questa scelta, considerato che la zona Pip (non c’è ancora toponomastica certa) si presenta pericolosa soprattutto nelle ore notturne".

Inoltre, "si parla da sempre di una eventuale collegamento con via Volta ma, agli atti, oggi nulla è stato fatto". Per questo i residenti chiedono "almeno fino alla definizione e all’apertura di tale arteria (via A. Volta), una rimodulazione del senso unico istituito all’inizio del mese di agosto, ripristinando il doppio senso di marcia fino alla via Sant’Antonio". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Nebbia e ghiaccio in autostrada, muore 53enne casertano

  • Attualità

    Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento