menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Il nuovo stadio? Un altro centro commerciale nella più bella area di Caserta”

Ventre torna sulla questione Pinto: “La Corte dei Conti potrebbe valutare un danno erariale"

“Ho inteso far passare qualche giorno da una sconcertante seduta del Consiglio Comunale di Caserta, per esprimere il mio pensiero in merito al rifacimento dello Stadio Pinto”. Riccardo Ventre, ex europarlamentare e presidente della Provincia, oggi consigliere comunale di Caserta, torna sulla vicenda dello stadio della Casertan e del progetto di riqualificazione da 50 milioni di euro, che nei giorni scorsi ha ottenuto un voto importante dal consiglio comunale. Che Ventre definisce “sconcertante” sia “per il clima in cui esso si è svolto, dove l’intervento di alcuni consiglieri aveva più di una “mozione”di affetti per l’edificio da abbattere, che non di osservazioni sulle modalità dell’iniziativa. E’ sembrato, da questo punto di vista, invece che questi imprenditori che si accingono a realizzare l’opera, siano delle Dame Vincenziane mandate a regalare a Caserta quasi 50 milioni di euro per fare un’opera di bene. Nessuno ha evidenziato che, in buona sostanza, questi vengono ad “acquistare” la più vasta e più bella area omogenea di Caserta per costruire un ulteriore Centro Commerciale e così distruggere definitivamente non solo gli sport cosiddetti “minori” ma di grande prestigio e di splendida storia per la Città come il tennis, ma anche il commercio Casertano già messo in ginocchio da varie sciagurate attività. Uso il verbo “acquistare” perché nonostante l’istituto giuridico cui si farebbe ricorso non sia la compravendita, quando un bene immobile viene concesso per ben 90 anni è molto più che se lo si vendesse”. 

Ed aggiunge: “Quanto poi alla presa in giro dei tifosi, così come sostiene l’amministrazione comunale, secondo cui uno stadio più nuovo e più capiente farebbe balzare la nostra cara Casertana addirittura nella coppa dei campioni, trattasi di una bugia che anche un bambino di 5 anni può capire. Non è certamente lo stadio che crea una grande squadra. Enzo Cuccaro e gli amministratori della Casertana di allora, dimostrarono come si potesse fare una squadra degna di questo nome con questo stesso stadio. La durata e le altre modalità potrebbero a mio avviso spingere la Corte dei Conti ad instaurare nei confronti della maggioranza un giudizio per danno erariale. In Consiglio, prima di abbandonare in maniera disgustata la seduta mi sono limitato a dire, cosa ribadita anche da qualche consigliere di maggioranza, che noi teniamo bloccato immotivatamente lo strumento di pianificazione (PUC) che dovrebbe costituire il presupposto per scelte tanto significative. La delocalizzazione, poi, degli sport purtroppo ed immotivatamente considerati figli di un Dio minore, allontanano ancora di più anche fisicamente i Casertani, ed in special modo i giovani, dallo sport per eccellenza che è il calcio”, continua il consigliere di opposizione di Primavera Casertana. “Mi preme, infine, a questo punto precisare, come inizio di una battaglia che porterò avanti con l’aiuto di altri consiglieri e cittadini che la pensano alla stessa mia maniera sull’argomento, che non sono affatto contrario, anzi, all’ammodernamento del Pinto, ma certamente senza limitarsi solo formalmente ad applicare la legge, ma ad Amministrare in maniera saggia i beni che i cittadini ci hanno affidato. Ritornerò sull’argomento con un intervento analitico sullo spreco, sulla inopportunità, anzi sulla dannosità, per la città di questa ennesima manifestazione di miopia pianificatoria di questa maggioranza”, conclude Ventre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento