Attualità

De Luca: "Il 40% degli studenti non ha aderito alla campagna vaccinale"

E sui trasporti il presidente della Regione Campania annuncia: "Daremo gli abbonamenti solo ai ragazzi vaccinati"

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca

"Registriamo una situazione di buona tenuta per la Campania rispetto ai contagi e dunque guardiamo alla nostra realtà con fiducia e serenità". Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca nel corso della tradizionale diretta social relativa agli aggiornamenti sulla pandemia da coronavirus. L'obiettivo primario resta tuttavia quello di completare la campagna vaccinale. "Questa fiducia sarà ancora più grande se ci impegneremo in questi due mesi in uno sforzo conclusivo nella campagna vaccinale", ha rimarcato De Luca, che poi non le ha mandate a dire ai 'no vax', scagliandosi anche contro Matteo Salvini e Giorgia Meloni che sono ostili al green pass.

"Abbiamo un 10% di persone con le quali perdiamo tempo in quanto sono contro il vaccino a prescindere - ha spiegato il governatore della Campania - Questi adottano comportamenti scriteriati, violenti, demenziali in nome della libertà. Ma devono capire che quando si vive in una comunità non si è liberi di fare ognuno quello che ci passa nella testa. Quando abbiamo avuto reparti ingolfati di malati di Covid noi abbiamo tolto la libertà a tutti i nostri concittadini che avevano altre malattie. In migliaia non hanno potuto godere della libertà di cura. Ed ora questi caproni vogliono parlare di libertà. Poi ci sono gli esitanti che hanno preoccupazioni legittime derivanti anche dall'informazione sgangherata e confusa che è arrivata da Roma. Di fronte a queste preoccupazioni abbiamo il massimo rispetto e abbiamo fatto un lavoro di persuasione".

Sull'obbligo della vaccinazione "bene ha fatto Mario Draghi a confermare che si andrà verso questa strada - ha affermato il presidente De Luca - Cominciamo a registrare numeri preoccupanti di decessi anche di persone giovani. Dobbiamo arrivare perciò al 75%- 80% di immunizzazione entro settembre/ottobre". E sulle vaccinazioni ai bambini: "Ci sono tanti vaccini che iniettiamo a bambini e nessuno ha parlato di libertà - ha sottolineato - Dunque devono vaccinarsi, altrimenti non possono andare a scuola, perchè rischiano di far morire altri bambini immunodepressi".

E proprio sulle scuole, che in Campania apriranno il 15 settembre, De Luca ha assicurato: "Siamo la prima regione d'Italia per quanto riguarda le vaccinazioni al personale docente e non". Tuttavia il problema resta per la popolazione studentesca. "In Campania abbiamo 509mila ragazzi dai 12 ai 19 anni residenti - ha detto De Luca - Coloro che hanno aderito alla campagna vaccinale sono 304mila, dunque il 60%. Di questi circa 282mila hanno ricevuto la prima dose e quasi 200mila il richiamo. Ma non basta, dobbiamo fare uno sforzo in più per stare tranquilli quando si aprirà l'anno scolastico".

Infine sui trasporti: "Da oggi parte la campagna degli abbonamenti gratuiti per gli studenti per cui abbiamo investito 30 milioni di euro - ha dichiarato il governatore della Campania - Ma questi abbonamenti saranno dati solo a chi è vaccinato, considerato che si tratta di un beneficio deciso dalla Regione Campania".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "Il 40% degli studenti non ha aderito alla campagna vaccinale"

CasertaNews è in caricamento