Attualità

Deroga su assembramenti per i vaccinati, ok alle visite nelle Rsa: la svolta di De Luca

Il governatore annuncia un'ordinanza con la quale si riducono le limitazioni per chi è in possesso della card vaccinale

De Luca e la card dei vaccini

I vaccinati possono assembrarsi, o meglio possono accedere ai servizi (turistici, alberghieri, wedding, trasporti, cinema, teatri e così via) in deroga ai limiti del contingentamento e del distanziamento interpersonale. E' questo il senso della nuova ordinanza, che contiene disposizioni per la ripresa in sicurezza delle attività economiche, culturali e sociali, annunciata dal governatore Vincenzo De Luca che prevede maggiori libertà per quanti hanno completato il ciclo vaccinale con entrambe le dosi ed hanno ricevuto la 'smart card' dalla Regione. 

Nel provvedimento si fa riferimento alle linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni "per assicurare l’accoglienza sicura e la promozione della fruizione in sicurezza dei diversi servizi (turistici, alberghieri, wedding, trasporti, spettacoli etc.)". In tal senso sono previste "facilitazioni all’accesso dei servizi e/o deroghe alle misure di sicurezza più restrittive, relative al contingentamento delle presenze e al distanziamento interpersonale, per cittadini in possesso di certificazione/Smart card di completamento della vaccinazione, fermo l’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e di osservanza delle altre misure di prevenzione di base (frequente igienizzazione delle mani e degli oggetti)".

Non solo. I vaccinati potranno anche accedere a fare visita ai propri cari nelle Rsa, fermo l'obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, frequente igienizzazione delle mani e degli oggetti. Sarà cura delle strutture "adottare ogni ulteriore misura organizzativa idonea a favorire nella massima sicurezza possibile gli accessi di familiari e visitatori e le uscite programmate degli ospiti, tenendo conto del possesso della certificazione vaccinale/smart card" 

De Luca intende anche accelerare nella distribuzione delle card che dovrà avvenire, anche con l'ausilio della Protezione Civile se necessario, entro dieci giorni. Alle Asl è richiesta "l’adozione di ogni misura, di concerto con l’Unità di crisi regionale, finalizzata a programmare la consegna delle ulteriori Smart card direttamente al momento del completamento della vaccinazione". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Deroga su assembramenti per i vaccinati, ok alle visite nelle Rsa: la svolta di De Luca

CasertaNews è in caricamento