Ufficio postale riapre ‘a metà’ dopo il lockdown: scoppia la contestazione

Il presidente del consiglio comunale invia una missiva di protesta al gruppo Poste Italiane: "L'apertura 3 giorni a settimana e solo di mattina è irresponsabile"

Il presidente del consiglio comunale Martuccio Serino e l'ufficio postale di Cervino

Ufficio postale riapre 'a metà' dopo il lockdown: scoppia la protesta nel comune di Cervino. Ad intervenire è il presidente del consiglio comunale, Martuccio Serino, che ha proveduto ad inviare una lettera di contestazione al gruppo Poste Italiane. "Negli ultimi mesi e precisamente subito dopo il lockdown l'ufficio postale che serve l'utenza del nostro comune, rimane aperto 3 giorni a settimana e solo di mattina - spiega Serino - La riorganizzazione dell’ufficio postale, resa necessario dall’emergenza coronavirus, sta creando malumori e disagi tra i cittadini di Cervino. La riorganizzazione, con modifica alle aperture degli sportelli, chiusure e modifiche agli orari, dovrebbe garantire il rispetto della tutela della salute dei lavoratori e dei cittadini, invece che danneggiare l'utente. Così risultano inevitabili i disagi soprattutto con l’andare incontro della stagione autunnale e invernale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’apertura di soli tre giorni a settimana non è condivisibile, oltre ad essere considerata irresponsabile in questo momento di emergenza - sottolinea il presidente del consiglio comunale nella missiva inviata a Poste Italiane - Essere fruibili al pubblico, così come disposto allo stato attuale, concorre a creare situazioni di assembramento sia in ufficio che in strada, soprattutto delle persone più anziane nel momento del ritiro delle pensioni. Persone che hanno necessità di recarsi allo sportello perché sprovviste di un conto corrente o di altre modalità di accredito della pensione. La nostra comunità è esposta, e soprattutto mi riferisco ai soggetti più vulnerabili, ad un maggiore rischio di contagio. Oltretutto, l’unico ufficio postale del Comune, aperto tre giorni a settimana, impone ai cittadini di doversi recare in altre filiali, quando questo è chiuso, per le proprie necessità, come banalmente inviare una raccomandata. Per questo chiedo di ripristinare il servizio con apertura dal lunedì al sabato - conclude Martuccio Serino - così evitiamo ulteriori contestazioni pacifiche volte giustamente dai correntisti e cittadini di Cervino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento