Tutor sull'Asse Mediano, presentato l'esposto in Procura

La Konsumer chiede di controllare la legalità dei verbali di contestazione emessi dalla polizia municipale

Esposto contro il tutor "trappola" sull'Asse Mediano

Questa mattina Biagio Ciaramella, responsabile Konsumer e Aifvs Aversa e Agro Aversano, si è recato presso gli uffici della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, per protocollare la richiesta di "controllo e verifica di legalità in merito ai verbali di contestazione emessi dalla polizia municipale di Marcianise sulla strada Provinciale 335".

La stessa documentazione è stata consegnata dal responsabile delle due associazioni, anche alla Prefettura, alla Provincia e al comune di Marcianise. Ciaramella subito dopo la consegna ha dichiarato: "Sia con l'associazione italiana familiari e vittime della strada che con la Konsumer, chiediamo alla Procura se sul tratto di strada provinciale 335 è legale oppure no il limite attualmente presente di 60km/h. Un limite che risulta essere pericoloso per la circolazione, visto che su quel tipo di strada, extraurbana principale, dovrebbe sussistere un limite di velocità che va da 90km/h fino a 110km/h."

"Chiediamo sia fatta chiarezza - continua Ciaramella - anche sull'agibilità di quel tratto dell'Asse Mediano. Noi non vogliamo accusare nessuno, ma pretendiamo informazioni certe su una strada ad alta percorrenza, che mette in pericolo la vita degli automobilisti e che sta prosciugando le tasche di migliaia di persone. Chiediamo inoltre, che venga chiarito come vengono spesi i soldi dell'articolo 208 previsti per la sicurezza stradale". 

Il responsabile delle associazioni ha così concluso: "Per il momento è stata prevista la sospensione del tutor, ma è tempo di risposte. Se questo apparecchio rappresenta solo un bancomat per il comune di Marcianise e non è a norma, e se la strada non è agibile, bisogna prendere provvedimenti immediati, perche la vita dei cittadini non può essere utilizzata per giocare alla roulette e per accumulare incassi facili. Vincenzo Ferrante, vice presidente nazionale Konsumer Italia, dichiara: "Ribadiamo che non siamo contro i tutor, che sono strumenti utili per la sicurezza stradale, ma siamo per il rispetto della legalità da parte di tutti, istituzioni innanzi tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

  • Morti altri 8 pazienti ricoverati col Covid: 589 nuovi positivi nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento