rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Attualità San Potito Sannitico

Transizione generale, il Comune ottiene 3 finanziamenti

L'Ente ha ottenuto circa 80mila euro

“Il nostro Comune in questi giorni è stato ammesso a finanziamento per il bando PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) sulla “transizione digitale”. Precisamente si sono ottenuti tre finanziamenti: uno di 14mila euro che riguarda la piattaforma di identità digitale Spid Cie; uno di 15.782 euro per la misura Pago Pa e uno di 47.427 euro sull’abilitazione al Cloud”. A renderlo noto il sindaco di San Potito Sannitico Francesco Imperadore, entusiasta per il gioco di squadra dei professionisti che hanno lavorato al raggiungimento dell’obiettivo. Si tratta di una somma totale di 77.209 euro; questi finanziamenti non sono solo importanti da un punto di vista tecnico, in quanto permetteranno la completa digitalizzazione dell’Ente, ma anche dal lato finanziario, in quanto libereranno risorse dal bilancio per poterle destinare ad altro. Come ad esempio, nel caso del finanziamento per l’ampliamento dell’identità digitale, l’Ente ha ricevuto solo la quota relativa alla Carta d’Identità Elettronica in quanto per lo Spid il Comune aveva già in proprio proceduto ad attivare tale servizio, questa volta invece il Comune non dovrà anticipare nessuna somma. Per quanto riguarda la misura del Pago Pa, tale finanziamento permetterà di procedere al pagamento in favore del Comune tramite la piattaforma Pago Pa di tutti i servizi comunali (mensa, trasporto scolastico, tributi comunali, oneri urbanistici ecc..). In questo modo si semplificherà la vita dei cittadini residenti e non. L’ultimo finanziamento ottenuto, ma forse quello più importante, la migrazione in Cloud di tutti i servizi comunali, ha l'obiettivo di riuscire ad ospitare e valorizzare dati e applicazioni in un ambiente più ottimale possibile per l’organizzazione, con notevoli benefici in termini di costi, performance e sicurezza. Nell’ottica della digitalizzazione l’obiettivo del Comune di San Potito Sannitico è arrivare alla completa informatizzazione di tutto l’archivio comunale e di tutti i servizi in modo che un utente possa, tramite apposita autenticazione, verificare, consultare e scaricare tutti i documenti a lui utili come già avviene per i documenti Anpr. “Pensate ad un attività commerciale che possa visionare la sua pratica Suap oppure ad un cittadino che voglia verificare il suo fascicolo edilizio ed eventualmente scaricare i documenti di cui ha bisogno, il tutto con un notevole risparmio di tempo e costi perché con un semplice clic potrà accedere a tutti i documenti. Ma non è nostra intenzione accontentarci, saremo attenti a non farci sfuggire ulteriori bandi che sono di prossima uscita perché la nostra rivoluzione digitale è solo all’inizio”. Fanno sapere dall’Ente potitese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Transizione generale, il Comune ottiene 3 finanziamenti

CasertaNews è in caricamento