Terra dei Fuochi, vertice al Ministero col sottosegretario: "Servono mezzi e uomini"

Si apre il dialogo, ora la palla passa anche al nuovo titolare del Viminale

L'incontro al Ministero col sottosegretario Micillo

L’Agro Aversano, Castelvolturno, Acerra e Giugliano hanno dimostrato la loro ‘forza’ presentandosi in massa all’appuntamento al Ministero. Presenti i delegati di Acerra, Giugliano, Aversa, Parete, Frignano, Villa di Briano, Sant’Arpino, Casaluce, Cesa, San Marcellino, Casal di Principe, Casapesenna, San Cipriano, Castel Volturno, Casaluce, Gricignano di Aversa.

Deciso l’intervento del sindaco di Parete, Gino Pellegrino, che ha dato colpe anche al Ministero, ricordando che “troppe promesse sono state fatte e poi agli inviti non risponde nessuno”. Il sottosegretario Micillo che ha partecipato alla riunione ha sottolineato che “il Governo può fare ancora tanto dal punto di vista ambientale. Sappiamo quanto sia difficile ascoltare ogni giorno le lamentele dei cittadini, ma insieme dobbiamo affrontare questa battaglia. Servirà velocizzare le procedure per le bonifiche dei territori, per dare risposte a quelle terre esasperate dai roghi”.

I sindaci hanno presentato quindi un documento comune nel quale ribadiscono che “la riunione di oggi al Ministero per l'Ambiente rappresenta l'inizio di una interlocuzione importante, ma chiediamo al nuovo governo di dare un segnale forte alla popolazione della terra dei fuochi e di mettere subito all'ordine del giorno interventi mirati e speciali, anche di tipo legislativo, per la nostra terra".

“Abbiamo portato le nostre idee - continua il documento - e spiegato quanto messo in campo fino ad oggi. Registriamo l'impegno preso dall'ex sottosegretario Micillo ad attivare subito una interlocuzione con il neo ministro dell'Interno Luciana Lamorgese per portare sul territorio risorse, uomini e mezzi per un controllo capillare del territorio e la disponibilità data dalla direzione generale ad un tavolo tecnico di confronto permanente con i comuni per discutere dei problemi al ciclo dei rifiuti che interessano la nostra Regione".

"Continueremo il percorso di coordinamento unitario e ci auguriamo che presto il ministro Costa venga a visitare i territori che amministriamo e rendersi conto in prima persona dell'esasperazione dei nostri concittadini", concludono i sindaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto sulla Casilina: grave autista casertano I FOTO

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Scuole superiori: ecco quali sono le migliori a Caserta e provincia

  • Il narcos casertano si pente e fa tremare la 'Ndrangheta

  • "Ora comando io, paga o ti blocco i carri". Arrestati 2 estorsori

Torna su
CasertaNews è in caricamento