Tassa sui rifiuti, confermate le tariffe dell’anno scorso ma col rischio conguaglio dal 2021

Si potrà pagare in 6 rate. Intanto la giunta va avanti per realizzare la società ‘in house’ per i rifiuti

Il sindaco di Caserta Carlo Marino

Nessuno sconto sulla Tari, ma una suddivisione del pagamento in 6 rate a partire da luglio. E’ quanto ha stabilito la giunta comunale di Caserta, presieduta dal sindaco Carlo Marino, che ha approvato la delibera per definire le tariffe per la raccolta rifiuti per l’anno in corso. Sfruttando la possibilità data dal decreto del premier Giuseppe Conte, gli assessori di Palazzo Castropignano ha approvato l’atto che permette di confermare le tariffe dell’anno 2019, con la possibilità di rivedere la spesa entro dicembre e definire poi i conguagli da far pagare ai cittadini dal 2021 (per tre anni). Non c’è stato, dunque, quel taglio ‘sperato’ sulla tassa dei rifiuti. La Tari potrà essere pagata in sei rate: la prima è prevista per il 15 luglio 2020, l’ultima a dicembre. In caso di versamento unico, la scadenza prevista è per il 15 luglio. Naturalmente la delibera dovrà essere approvata in consiglio comunale per essere ‘validata’. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gestione in house dei rifiuti, nuovi passi avanti

Sul fronte della gestione, intanto, il Comune di Caserta continua a lavorare per creare una ‘società in house’ che possa occuparsi della raccolta dei rifiuti solidi urbani del Capoluogo. Un’idea, quella del sindaco Carlo Marino, non semplice ma che comunque si sta cercando di portare avanti. In tale ottica, la giunta presieduta dal sindaco ha approvato una delibera con la quale il Comune si costituisce in Sub Ambito Distrettuale (Sad), così come permesso dalla legge regionali che ha previsto la creazione degli Enti di ambito territoriale (Ato). “Il Comune di Caserta - si legge nella delibera - costituitosi in Sad, nell’esercizio della propria autonomia ed in armonia alle disposizioni normative, intende affidare ‘in house’ il servizio di ciclo integrato per la raccolta ed il trattamento dei rifiuti, atteso che tale determinazione rappresenta per la collettività la scelta più conveniente sotto il profilo dell’efficienza, dell’efficacia e dell’economicità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Il coprifuoco di De Luca: stop agli spostamenti fra le province, attività chiuse dalle 23

  • Coprifuoco in Campania, De Luca firma l'ordinanza. Tutti a casa dopo le 23 per 20 giorni

  • Nuovo record di contagi in un giorno: 321 nuovi casi e 2 morti

  • Coronavirus, 318 nuovi casi nel casertano: positivo il 20% dei tamponi

  • “Scuole riaperte da mercoledì”, ma De Luca spegne l’entusiasmo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento