Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Il Comune ‘ripaga’ la tassa sui rifiuti: ecco come funziona ‘Remunero’

Siglato un protocollo d’intesa con la società che garantisce un premio agli utenti in regola con la Tari

L'incontro al Comune per siglare il protocollo d'intesa

La città di Caserta aderisce al protocollo d’intesa con la società Remunero che garantisce un premio agli utenti in regola con la tassa sui rifiuti, nell’ambito del progetto “Smart and Green Reward”. La premialità si traduce in un credito pari a quanto dovuto annualmente per la Tari, versato a tutti gli utenti, sia famiglie sia imprese. Basta rispettare tre parametri: essere in regola con il pagamento della Tari, aver conferito correttamente i rifiuti e non aver ricevuto multe di carattere ambientale. In più, per le aziende è previsto uno sgravio fiscale immediato fino a un massimo del 30% dell'incasso. Obiettivo finale è la restituzione al cittadino del 100% della Tari. Si tratta di un accordo della durata di 5 anni che non comporta oneri per l’amministrazione comunale e rappresenta l’individuazione di un soggetto privato in grado di sviluppare il progetto “Smart and Green Reward” in condizioni di non esclusività. Inoltre, l’adesione da parte dei contribuenti al circuito proposto da Remunero è volontaria e avviene nel pieno rispetto della privacy e dei dati personali.

Come funziona?

Per ogni utente che si registra sulla piattaforma di Remunero viene aperto dalla società stessa un conto corrente online e una carta per i pagamenti. È prevista una commissione di transazione variabile dallo 0,5% al 3% dell'importo dovuto come Tari. Il credito viene sbloccato trimestralmente sulla base del comportamento virtuoso degli utenti. L’importo può essere utilizzato solo all’interno del territorio comunale o della macroarea dei Comuni che hanno sottoscritto la stessa convenzione, per un massimale del 30% dell’acquisto effettuato, creando così un sistema di economia circolare.

“Abbiamo deciso di aderire a questa iniziativa – afferma il sindaco di Caserta, Carlo Marino – perché propone un sistema virtuoso utile a consentirci un recupero sull’evasione del tributo e un monitoraggio puntuale sul corretto conferimento dei rifiuti, incentivando la sostenibilità ambientale. Ci è sembrato giusto per la collettività aderire a un progetto che concilia la salvaguardia delle risorse ambientali con un incentivo all’economia, non con l’imposizione di nuove norme ma attraverso un sistema di premialità riservato agli utenti virtuosi”. Remunero realizza progetti di sostenibilità ambientale attraverso l’utilizzo di una piattaforma software di pagamenti elettronici riservata ai cittadini e alle imprese dei Comuni che si adeguano alle normative indicate dall’Unione europea in materia di corretto conferimento dei rifiuti, con la conseguente riduzione di anidride carbonica. L’obiettivo è valorizzare l’economia del territorio attraverso sconti monetizzati da un algoritmo basato sui comportamenti degli utenti.

Federico Orlando, fondatore e amministratore di Remunero, illustra lo scopo dell’iniziativa: “Migliorare l’ambiente e incentivare l’economia locale, coinvolgendo l’intera comunità. Ecco il ciclo virtuoso di Remunero: tu contribuisci a un ambiente più pulito, noi contribuiamo ai tuoi acquisti, i tuoi acquisti contribuiscono a un’economia più ricca e trasparente. Insieme facciamo un mondo migliore”. E conclude: “Siamo soddisfatti che Caserta, bella città campana la cui preziosa Reggia Borbonica è patrimonio dell’Unesco, abbia scelto di prendersi cura dell’ambiente, rafforzando la raccolta differenziata tramite il meccanismo premiante di Remunero e dando la possibilità ai propri i cittadini e alle imprese del territorio di recuperare il 100% della Tari versata. E un migliore smaltimento dei rifiuti significa un ambiente più sano”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune ‘ripaga’ la tassa sui rifiuti: ecco come funziona ‘Remunero’

CasertaNews è in caricamento