Attualità

La tassa sui rifiuti ridotta del 6%, ma restano dubbi sulla tenuta dei conti

L'assessore: "Se fosse una forzatura, comunque la farei"

Il consiglio comunale di Caserta

Il consiglio comunale di Caserta ha approvato a maggioranza la riduzione della Tari del 6% e la conferma delle aliquote Imu e Tasi.

Non sono mancati naturalmente spunti critici. Come quello di Francesco Apperti di Speranza che ha sottolineato come “nella delibera che ci viene presentata si legge che stimiamo di raccogliere molti meno rifiuti rispetto alla media degli ultimi anni, ma i numeri ci dicono che non è così. Inoltre lo scorso anno fu votata una delibera di riduzione del 4% che però non fu poi mai applicata. E dagli atti a disposizione si evince che quest’anno la riduzione sarà del 2%, visto che si andrà a recuperare lo sconto che non è stato applicato lo scorso anno”.

Dubbi anche relativamente alla lotta all’evasione “visto che nella delibera non c’è un solo numero che possa spiegare come e quanto intendiamo recuperare”. Per questo motivo il gruppo di Speranza (anche Norma Naim è stata molto critica) ha preferito abbandonare l’aula al momento della votazione, contestando anche la convocazione in 48 ore, già segnalata al prefetto di Caserta Raffaele Ruberto.

Non hanno votato neanche i consiglieri comunali Riccardo Ventre ed Enzo Bove che hanno pure sottolineato dubbi relativamente al taglio prospettato. 

L’assessore alle Finanze Federico Pica ha sottolineato come “stiamo cercando di abbassare le tasse e se anche ci fosse una forzatura, anche se non c’è stata, difenderei il provvedimento”. Il delegato ha poi sottolineato come “il Comune di Caserta è quello che riscuote di più, circa il 70% nell’anno in corso ed il 10% nell’anno successivo, quindi non credo che ci sarà un problema di tenuta della cassa”. La delibera è passata con 15 voti favorevoli. Si sono astenuti i consiglieri di Caserta nel Cuore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tassa sui rifiuti ridotta del 6%, ma restano dubbi sulla tenuta dei conti

CasertaNews è in caricamento