menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa per i rifiuti, a Caserta si paga 95 euro in più della media nazionale

In Campania va meglio solo ad Avellino: a Napoli, Salerno e Benevento tariffe più alte

E’ di 300 euro la tassa per i rifiuti pagata in media nel 2020 da una famiglia in Italia, cifra rimasta invariata rispetto all'anno precedente. E’ quanto emerge dal report dalla annuale rilevazione dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva.

La regione in cui si rileva la spesa media più bassa è il Trentino Alto Adige (193 euro), dove si registra un incremento del 1,4% rispetto all'anno precedente. Al contrario, la regione con la spesa più elevata resta la Campania (419 euro, -0,4% rispetto al 2019). In un panorama nazionale in cui la tariffa resta invariata, a livello territoriale si registra un incremento in 10 regioni: Molise (+4,3%), Calabria (+3,4%), Umbria (+2,8%), Liguria (+2%), Lazio (+1,9%), Marche (+1,7%), Friuli Venezia Giulia (+1,6%), Trentino Alto Adige (+1,4%), Toscana (+0,8%), Piemonte (+0,7%); tariffe in diminuzione in 6 regioni: Abruzzo (-2,8%), Veneto (-2,2%), Sardegna (-1,5%), Sicilia (-1,4%), Puglia (-0,8%) e Campania (-0,4%). La spesa resta invariata in quattro regioni: Basilicata, Emilia Romagna, Lombardia e Valle d’Aosta.

L'indagine sui costi sostenuti dai cittadini per lo smaltimento dei rifiuti in tutti i capoluoghi di provincia prende come riferimento nel 2020 una famiglia tipo composta da 3 persone ed una casa di proprietà di 100 metri quadri. La rilevazione è realizzata nell’ambito del progetto “Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico (DM 7 febbraio 2018).

tassa rifiuti 2020 campania-2

Catania è il capoluogo di provincia più costoso (504 euro stabile sul 2019), Potenza il più economico (121 euro). Rispetto ai 112 capoluoghi di provincia esaminati, sono state riscontrate variazioni in aumento (rispetto al 2019) in 30 capoluoghi, situazioni di stabilità in 27 e variazioni in diminuzione in 11. A Crotone l'incremento più elevato (+14,1%), a Venezia la diminuzione più consistente (-16,2%). Per quel che concerne la Campania, il capoluogo più caro è Benevento ministrante una diminuzione del costo dell’1,5% (464 euro), seguita da Salerno (462 euro), Napoli (455 euro), Caserta (395 euro) ed Avellino (318). Nel Capoluogo di Terra di Lavoro non c’è stata alcuna variazione della spesa nell’ultimo anno, restando comunque di circa 95 euro il rincaro rispetto alla media nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    I Casalesi conquistano anche la Toscana: 34 arresti

  • Cronaca

    Il Covid fa un'altra vittima: muore ex vigile urbano

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento