rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Attualità

Il Tar blocca la concessione edilizia per il nuovo palazzo

Annullato il permesso a costruire concesso dal Comune che ora si rivolgerà al Consiglio di Stato

Comune di Caserta 'bocciato' dal Tar della Campania. I giudici del Tribunale amministrativo regionale hanno accolto la richiesta di sospensiva presentata da usufruttuario e comproprietario di un complesso immobiliare di via Tescione contro il permesso di costruire concesso dal Comune a una società immobiliare al fine di realizzare, mediante abbattimento e ricostruzione, un fabbricato residenziale a via Tescione.

I ricorrenti hanno evidenziato "che si trattava di un intervento edilizio non realizzabile, con impatto devastante sulla comunità locale, pregiudicando la situazione dei ricorrenti, anche nel subire la realizzazione di un corpo di fabbrica dell’altezza di oltre 18 metri sul confine della loro proprietà, creando spazi insalubri ed angusti, alterando la situazione microclimatica locale, riducendo l’irraggiamento solare e determinando una minore ventilazione".

Motivazioni che sono state accolte dal Tar in fase cautelare considerando "che la volumetria del costruendo edificio appariva esorbitante dai termini di legge occorrendo, per l’ampliamento consentito, far riferimento alla volumetria già esistente; che l’ultimazione della costruzione del manufatto potrebbe arrecare, nelle more del giudizio, un pregiudizio difficilmente emendabile ex post", sospendendo l’efficacia del provvedimento impugnato. In sede di giudizio il Tar accoglieva il ricorso proposto e annullava il provvedimento impugnato con condanna del Comune al pagamento delle spese di lite.

Il Comune però ha deciso di impugnare la sentenza dinanzi al Consiglio di Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar blocca la concessione edilizia per il nuovo palazzo

CasertaNews è in caricamento