Tamponi al rallentatore, famiglie 'sequestrate' in quarantena

La segnalazione degli utenti: "Grido disperato di decine di famiglie"

Tamponi al rallentatore ed intere famiglie "segregate" da giorni in quarantena. E' questa la segnalazione da parte di alcuni utenti che denunciano la lentezza con cui vengono processati i test per il rilevamento del coronavirus. 

"Ci sono tempi di attesa lunghissimi che impediscono alle persone che vi vengono sottoposti di ricominciare a vivere se l'esito é chiaramente negativo. Ci sono ragazzi a Caserta  con le loro famiglie sequestrati in casa dai  primi giorni di Agosto che aspettano i risultati successivi al primo positivo, per poter continuare a vivere e a uscire, certo se si sono negativizzati. Ma i risultati arrivano dopo 4/5 giorni , non è ammissibile una cosa del genere . Ci sono ragazzi e famiglie chiusi in quarantena senza risposte. Questo é un grido disperato, di decine di famiglie che devono essere assistite e alle quali deve essere data la priorità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento