Gli universitari cinesi alla scoperta dal Matese | FOTO

Una delegazione di studenti da Chongqing in visita a San Potito Sannitico

Sono giorni di grande fermento questi per San Potito Sannitico, il paese ai piedi del Matese che si pone sempre più come laboratorio a cielo aperto di arte, ricerca e innovazione.

Infatti la città, grazie alla già consolidata collaborazione tra l’amministrazione comunale e l’associazione Ruderi, è sede di un importante summer schoolorganizzata dall’Università degli Studi di Milano Bicocca dal titolo: DAFF (Design, Art, Food and Fashion). Si tratta di un programma interdisciplinare su approcci innovativi che integrano la creatività con i principi di sostenibilità, con l'obiettivo di combinare la conservazione del capitale culturale e naturale delle comunità con la competitività economica dei territori nel mercato globale.

Il programma si compone di lezioni frontali, esperienze pratiche ed escursioni sul campo coordinate da Valentina Anzoise e vede la straordinaria partecipazione degli Studenti di Architettura, Design, Pianificazione e Ingegneria dell'Università di Chongqing (Cina) che stanno affrontando temi di grande attualità: Governare lo sviluppo locale nelle aree periurbane e rurali, Turismo rurale e multifunzionalità in agricoltura, Design rurale e potenziale di bioeconomia per catene del valore innovative e sostenibili, Verso una ruralità critica: paesaggio come archivio, Capitale naturale e patrimonio culturale come catalizzatori della rigenerazione territoriale, Processi di rigenerazione artistica e guidata dalla comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Imperadore, attraverso le parole del delegato alla cultura Francesco Biondi, esprime il proprio orgoglio nell’ospitare quest’iniziativa: “Anche questa volta San Potito si fa promotore di un processo di internazionalizzazione che deve coinvolgere tutto il Matese. Eventi del genere dimostrano come il nostro territorio possa essere grande attrattore di idee, capitali e persone”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento