Studente perde 20 chili per una bocciatura, il padre scrive alla Franzese

La lettera aperta alla direttrice dell'Ufficio scolastico regionale: "Mio figlio ha subìto una clamorosa ingiustizia alla quale va posto rimedio, altrimenti mi rivolgerò alla magistratura"

La direttrice dell'Ufficio scolastico regionale della Campania, Luisa Franzese

Studente di Macerata Campania, malato di celiachia, perde 20 chili per una bocciatura e il padre invia una lettera aperta alla direttrice dell'Ufficio scolastico regionale della Campania, Luisa Franzese. "Sono giorni che mi chiedo cosa significhi fare scuola - scrive l'uomo nella lettera - Chi crede, come me, nel valore dell’educazione sa che quello di insegnare è uno dei lavori più delicati e, allo stesso tempo, più importanti del mondo. Per me, fare scuola significa aiutare i ragazzi a cambiare il mondo e a rincorrere i propri sogni, fornendo loro gli strumenti necessari per farlo".

Ad incassare la bocciatura Antonio, 18enne studente dell'Ites "Leonardo Da Vinci" di Santa Maria Capua Vetere. "Nel 2004, gli fu diagnosticata una grave forma di celiachia, in conseguenza della quale la commissione Asl per l’accertamento degli stati di invalidità civili gli ha riconosciuto l’indennità di frequenza, ai sensi della legge 289 del 1990 - sottolinea il padre di Antonio - Già a settembre di due anni fa, mio figlio subì una bocciatura dalla dubbia legittimità che gli provocò un vertiginoso dimagrimento di 12 chili, certificato dalla dottoressa Maria Erminia Bottiglieri, presidente degli ordini dei Medici di Caserta, e un grave stato di malessere psicologico. Fu una situazione assurda. Antonio era iscritto alla seconda C: il consiglio di classe, formato da insegnanti di grande valore, deliberò la sua partecipazione ai corsi estivi, al fine di recuperare alcune insufficienze registrate durante l’anno, dovute, in gran parte, alla sua malattia, e consentirgli di poter accedere al terzo anno. Antonio, fino all’11 settembre del 2018, risultava inserito ed ammesso alla terza E. Poi, quel giorno, ricevemmo una telefonata dalla scuola con cui, con grande leggerezza, ci fu comunicata la sua bocciatura. Ci fu detto che l’ammissione era dovuta a mero errore. Ripeto, si sarebbe trattato di un mero errore".

"In questi anni, ho cercato in tutti i modi di instaurare con la dirigenza scolastica, oggi retta da Angelina Di Nardo, un dialogo costruttivo, che consentisse il reintegro di mio figlio alla classe quinta, così da consentirgli il proseguimento dell’attività scolastica nel migliore dei modi, a vantaggio, soprattutto, della sua la sua condizione psicofisica, mia primaria preoccupazione - continua - In più occasioni, il Tar si è espresso ribadendo l’obbligo dell’istituzione scolastica di adottare misure compensative e modalità valutative che permettano a studenti come mio figlio di essere giudicati in considerazione della loro patologia. Mi spiego: non chiedo per lui un percorso privilegiato, ma neppure che Antonio sia considerato uno studente come gli altri, perché, per sua e nostra sfortuna, non lo è. Dopo un fitto carteggio, il 7 luglio la dirigente Di Nardo ha concesso a mio figlio la possibilità di sostenere gli esami di idoneità alla classe quinta D: sembrava si fosse aperto uno spiraglio di luce. E, invece, no. Il calendario delle prove è stato implacabile: il primo scritto è stato fissato il 13 luglio, dopo appena 6 giorni; l’ultimo, il 16 luglio. L’esito era scontato: mio figlio è stato bocciato per la seconda volta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se fosse stata animata dalla buona fede, Di Nardo, nell’interesse del ragazzo e della scuola, avrebbero potuto concedergli quasi due mesi di tempo per prepararsi, anziché pochi giorni - conclude il padre di Antonio nella lettera inviata alla Franzese - Unendo i puntini di questa storia triste, ravviso, dunque, una premeditazione che rasenta la cattiveria nel suo comportamento, e non da oggi. Sarò anche il padre e il mio giudizio sarà pure condizionato dall’amore che provo per Antonio, non c’è dubbio. Ritengo, tuttavia, che mio figlio abbia subìto una clamorosa ingiustizia, per la quale mi auguro lei intervenga a porvi rimedio; altrimenti, sarò costretto a rivolgermi alla magistratura. Fare scuola, come dicevo, significa aiutare i ragazzi a rincorrere i propri sogni: oggi mio figlio ha già perso 20 chili e mi dice di non avere più sogni da rincorrere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SPECIALE REGIONALI E' ufficiale: Grimaldi eletto. Nel nuovo consiglio regionale ben 5 uscenti

  • SPECIALE MARCIANISE Abbate sfiora i 9mila voti, Velardi a contatto. Alessandro Tartaglione all11%

  • SPECIALE MARCIANISE Moretta super con 1164 preferenze: cinque donne tra i candidati più votati

  • Maresciallo dei carabinieri investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato 21enne

  • Tempesta nel casertano: abbattuti cartelloni pubblicitari ed alberi, volano anche pezzi di tetto | FOTO

  • SPECIALE SANTA MARIA A VICO Tutti i voti e i nuovi consiglieri comunali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento