Strade al buio e piene di buche: "Sembra Baghdad" | FOTO

La denuncia di un cittadino: "Prima o poi qualcuno rischia di farsi male"

Una profonda buca sul territorio di Lusciano

Un cittadino di Lusciano ha segnalato a CasertaNews le condizioni di alcune strade della cittadina luscianese lanciando un appello anche al sindaco Nicola Esposito, ai consiglieri comunali e soprattutto ai dirigenti comunali che dovrebbero e potrebbero intervenire. Il cittadino sottolinea che "una mia parente a causa della forte pioggia ha rischiato di distruggere l'auto e farsi male. Via Francesco De Sanctis è divenuta la nuova Bagdad, Via Torre Pacifico è in uno stato di abbandono, per non parlare dei continui allagamenti di Via Pablo Neruda, dove prima o poi ci ritroveremo al piano - 2".

"C'è da segnalare uno scempio da terzo mondo, c'è qualcuno che rischia di farsi male e qui il problema diventa serio. Attenzione, però, il rifacimento del manto stradale non va fatto con il solo riempimento della buca, l'espletamento della procedura tecnica avviene in altro modo. Le voragini piene d'acqua presenti sul manto stradale, in una zona in cui non c'è illuminazione, con la sola presenza di transenne per segnalare un pericolo, sono davvero da terzo mondo, ma potrebbero arrecare seri danni a cose e persone. Continuiamo a segnalare pacificamente i tanti problemi che ci sono, probabilmente chi di dovere è all'oscuro di tutto questo. Prima o poi qualcuno delle parti coinvolte dovrà pur sempre ascoltare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Muore a 49 anni col virus. La rabbia del sindaco: "Smettiamola di sottovalutare la situazione"

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

Torna su
CasertaNews è in caricamento