Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità

Tagli ai treni tra Caserta e Isernia: soppresse 4 corse. Rabbia dei pendolari

La denuncia di coloro che anche per lavoro sono costretti a lasciare la Campania per la città molisana

Tagli ai treni tra Caserta e Isernia: denunce e rabbia. I pendolari che viaggiano tra Caserta e Isernia alzano un grido di disperazione: i treni sono stati ridotti, peggiorando una situazione già critica. Le variazioni riguardano principalmente i treni in direzione Caserta (partenza da Isernia) delle ore 13.28 e 16.50, e quelli in direzione Isernia (partenza da Caserta) delle ore 8.10 e 8.45. In totale, quattro corse cancellate fino almeno al 9 dicembre.

La situazione

Ufficialmente, la decisione è stata presa per una razionalizzazione delle risorse. Tuttavia, un'analisi degli orari mostra che esiste un treno alle 14.11, circa 40 minuti dopo quello cancellato, che arriva a Isernia alle 15.26 con un costo di 6,90 euro. Per chi desidera partire nel pomeriggio, la situazione si complica con la necessità di combinare treno e bus, con costi variabili tra 6,90 e 11,30 euro.

In direzione opposta, da Caserta a Isernia, nella fascia oraria dei treni soppressi c'è un treno alle 8.36, che prevede anche l'utilizzo del bus, con un costo di circa 11 euro.

Le voci dei pendolari

I pendolari denunciano una situazione insostenibile. Le cancellazioni hanno reso ancora più difficile organizzare i propri spostamenti, specialmente per chi non ha alternative praticabili. Molti devono riorganizzare le proprie giornate, facendo i conti con ritardi e costi aggiuntivi.

L'azienda ferroviaria non ha fornito ulteriori dettagli sui motivi specifici della razionalizzazione, né ha proposto soluzioni per attenuare i disagi. I pendolari sperano in un rapido ripristino del servizio e in una gestione più efficiente delle risorse, che tenga conto delle reali esigenze dei viaggiatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli ai treni tra Caserta e Isernia: soppresse 4 corse. Rabbia dei pendolari
CasertaNews è in caricamento