Rifiuti, si allarga la protesta dei lavoratori senza stipendio

Stato di agitazione proclamato anche da Uil e Cgil: “Il Comune paghi direttamente i dipendenti Senesi”

Si allarga la protesta sindacale contro la Senesi, la società che si occupa del servizio di raccolta rifiuti ad Aversa, in attesa del passaggio di cantiere in favore della Tekra, vincitrice dell’appalto indetto dal Comune.

Dopo la Fiadel anche la Uil Trasporti di Caserta e la Fp-Cgil hanno infatti attivato la procedura di raffreddamento per il lavoratori del cantiere Rsu di Aversa, con la proclamazione dello stato di agitazione.

Al centro della protesta “l’incertezza da parte della Senesi sul pagamento delle spettanze ai dipendenti del cantiere di Aversa, che doveva avvenire entro il 31 agosto”. I sindacati hanno quindi indetto una assemblea di due ore nella giornata di ieri, lunedì 9 settembre,  proprio per discutere di queste tematiche.

La Uil inoltre ha chiesto al Comune di “attivare i poteri sostitutivi” per pagare direttamente i dipendenti della società Senesi, nel caso in cui la stessa non pagasse quanto dovuto ai lavoratori. Sul tavolo inoltre ci sono altri due problemi: gli automezzi per svolgere il servizio, denuncia il sindacato, “sono molto carenti, diversi in riparazione presso le officine”; altra questione importante riguarda l’incertezza di poter incassare sia le indennità di fine rapporto ed il relativo Tfr, che ammonta a diverse migliaia di euro per ogni singolo lavoratore. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento