rotate-mobile
Attualità

Pericolo amianto, ‘Speranza’ chiede l’apertura dello ‘Sportello Nazionale’

La proposta avanzata in un’interrogazione al sindaco

Uno sportello per proteggere i cittadini e il territorio dai pericoli dell’amianto. E’ quanto hanno chiesto in un’interrogazione, depositata in data odierna, i consiglieri comunali Norma Naim e Francesco Apperti del gruppo consiliare “Speranza per Caserta”.

Quello dell’amianto è un problema annoso che uccide 4.000 persone ogni anno e nelle strategie per la sua risoluzione l’Associazione di Promozione Sociale, denominata “Sportello Amianto Nazionale”, ha invitato i Comuni italiani a dotarsi di uno “Sportello Amianto”, dedicato all’informazione e alla formazione, per agevolare ed accompagnare i cittadini, le imprese e i lavoratori nei percorsi privati e personali che riguardano, appunto, questo pericoloso materiale.

Per istituirlo nel Comune di Caserta occorre stipulare un protocollo d’intesa con lo Sportello Amianto Nazionale, patrocinato dal Coordinamento Nazionale Amianto, con lo scopo di offrire servizi di pubblica utilità a favore di cittadini, aziende ed istituzioni pubbliche e private, per tutte le questioni legate all’amianto, da quelle assistenziali a quelle medico legali, all’aiuto psicologico e alla gestione dei rischi legati all’amianto, alla segnalazione di un pericolo, al rispetto delle normative sino alla consulenza per la gestione ed indicazione dell’iter burocratico per affrontare le bonifiche.

Ad oggi nella provincia di Caserta hanno aderito in pochi tra cui i Comuni di Castel Volturno, Santa Maria Capua Vetere e Francolise e il gruppo di Speranza auspica che “anche Caserta si aggiunga all’elenco dei Comuni aderenti, atteso che il servizio è gratuito e finalizzato a salvaguardare la salute pubblica e a combattere i problemi legati al pericoloso inquinante sul territorio cittadino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pericolo amianto, ‘Speranza’ chiede l’apertura dello ‘Sportello Nazionale’

CasertaNews è in caricamento