Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità

Il Comune punta sullo sport: piano che sfiora i 100 milioni di euro

Dallo stadio Pinto al baseball, dal Palavignola ai palazzetti di Tuoro passando per il polo dell'atletica nel fosso della 167: "Progetto di grande valenza sociale"

Investimenti che sfiorano i 100 milioni di euro per lo sport a Caserta. Un programma importante, che imprimerà una svolta decisiva al sistema degli impianti. Presso la Sala Consiliare del Comune di Caserta, è stato presentato il programma completo delle attività che l’Amministrazione sta compiendo per la realizzazione di nuovi impianti sportivi e per la riqualificazione di quelli già esistenti.

Alla conferenza stampa, moderata dal Presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana (USSI) Mario Zaccaria, hanno partecipato il sindaco di Caserta, Carlo Marino, il Presidente regionale del Coni, Sergio Roncelli, il Delegato provinciale del Coni, Michele De Simone, l’Assessore ai Lavori Pubblici, Massimiliano Marzo, e l’Assessora allo Sport, Gerardina Martino, oltre ai rappresentanti regionali e provinciali delle federazioni sportive nazionali, degli enti di promozione sportiva e delle società sportive della città di Caserta. Sono stati illustrati tutti gli interventi in atto e che si realizzeranno nei prossimi mesi e che riguardano numerose discipline sportive.

L’incontro è iniziato con uno dei progetti più attesi dalla cittadinanza, ovvero la realizzazione del nuovo Stadio “Pinto”, un project financing del valore di oltre 50 milioni di euro, il cui cantiere partirà già nel mese di luglio. Un impianto avveniristico, che sostituirà l’attuale struttura, che comunque negli ultimi anni è stata regolarmente adeguata, ristrutturata e manutenuta dal Comune, in collaborazione con la Casertana calcio, rendendola completamente agibile dopo 32 anni.

Un capitolo importante è anche quello relativo al nuovo “Palavignola”, un palasport dedicato al basket nel quartiere Acquaviva, nell’area ex Saint Gobain. Entro il 2023 partirà il cantiere: un intervento, dell’importo di 2 milioni di euro, realizzato nell’ambito del Pnrr (Pinqua), che porterà a realizzare una struttura da 2000 posti a sedere, che consentirà di ospitare gare anche di serie A2.

Sono già partiti i lavori, invece, nella frazione Tuoro, dove il cantiere è in atto per quel che concerne la realizzazione di un palazzetto per sport collettivi (3,2 milioni afferenti al Bando delle Periferie) da 1500 spettatori e di una struttura che ospiterà discipline sportive individuali e che sarà ultimata entro giugno 2023.

Saranno affidati i lavori entro marzo 2023 per un’altra struttura di fondamentale importanza quale lo Stadio dell’atletica nel Quartiere degli Aranci, all’interno del cosiddetto “fosso della 167”. Sempre per l’atletica leggera, la pista già esistente in via Borsellino, alle spalle del supermercato MD, sarà affidata in gestione alla Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e sarà destinata alle academy giovanili e, in alcune fasce orarie, all’intera cittadinanza.

Grande rilevanza assumono anche gli interventi che verranno effettuati nella frazione San Clemente, con la riqualificazione (partenza entro il 2023) dello stadio del baseball e la realizzazione di una moderna pista di pattinaggio accanto a spazi di socialità per bambini e anziani. Infine, sono stati ricordati gli interventi già compiuti, quali ad esempio il campo da calcio nel Rione Vanvitelli, e quelli in corso di svolgimento (piste ciclabili). Infine, sono stati elencati i molti playground già realizzati in città e quelli che vedranno la luce nei prossimi mesi, e le attività di riqualificazione e di nuova realizzazione di palestre scolastiche.

"Si tratta di un piano imponente, - ha spiegato il Sindaco di Caserta, Carlo Marino - di una vera e propria svolta per l’impiantistica della città di Caserta. In questo modo raggiungiamo un duplice obiettivo: da un lato dotiamo la città di strutture moderne e in grado di consentire lo svolgimento di attività agonistiche di primo livello, dall’altro permettiamo a tutta la cittadinanza, in primis ai giovani, di poter fare qualsiasi sport senza problemi. È un lavoro di grande importanza, che ha un’enorme valenza sociale".

"Abbiamo lavorato due anni – ha aggiunto il Delegato provinciale del Coni, Michele De Simone - per concretizzare il piano di interventi che consentirà a Caserta, nel giro di qualche anno, di avere una dotazione di impianti sportivi sicuramente primaria in Campania. La cosa più importante è che il programma presentato gode già di finanziamenti confermati di progetti in corso d’opera e di prossime cantierizzazione".

"L’obiettivo che fin dal primo giorno ci siamo prefissati – ha detto l’Assessore ai Lavori Pubblici, Massimiliano Marzo - è quello di costruire un 'modello Caserta' virtuoso e riconosciuto a livello nazionale ed internazionale. Un modello che ha nello sport uno dei suoi punti cardine. In quest'ultimo anno, in particolare, siamo stati bravi ad ottenere risorse del PNRR finalizzate alla realizzazione di opere pubbliche rilevanti, tra cui proprio l'incremento ed il miglioramento della dotazione impiantistica sportiva della nostra amata città. Entro il 2026, termine perentorio per l'ultimazione dei cantieri stabilito dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, consegneremo alla comunità casertana una città migliore di cui andare fieri".

"Lo sport – ha dichiarato l’Assessora Gerardina Martino – è un elemento fondamentale per lo sviluppo e la crescita di una comunità. Abbiamo puntato molto sulla questione legata all’impiantistica perché è prioritario assicurare a tutti gli spazi necessari per svolgere tante discipline sportive". Al termine della conferenza il Presidente regionale del Coni, Sergio Roncelli, ha prospettato la candidatura di Caserta quale “Città europea dello sport”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune punta sullo sport: piano che sfiora i 100 milioni di euro
CasertaNews è in caricamento