rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

Spese per "eventi" durante il lockdown, bufera sul deputato 5 Stelle

Grimaldi ha rendicontato spese per 4815 euro nel mese di aprile: "Comprato uova di Pasqua e fatto la spesa a chi era in difficoltà"

Scoppia il caso sul parlamentare di Aversa Nicola Grimaldi, del Movimento 5 Stelle. In pieno lockdown, nel mese di aprile, il deputato normanno avrebbe speso 4mila 815 euro alla voce "attività ed eventi". A rendere nota la notizia è stato "Il Giornale" che ha spulciato il sito tirendiconto.it, il portale dedicato alle restituzioni grilline, facendo emergere come alcuni esponenti pentastellati - tra cui anche il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina - abbiano rendicontato spese per eventi e manifestazioni, in quel periodo di fatto vietate. E tra questi c'è anche Grimaldi.

L'onorevole dei 5 Stelle ha giustificato tali spese spiegando di aver "acquistato generi alimentari per famiglie che erano in grave difficoltà; ho acquistato 4000 uova di Pasqua in occasione dei festeggiamenti in lockdown, e li ho donati ai vari enti di tutti i comuni della mia circoscrizione affinché potessero donarlo ai bambini in difficoltà; ho donato sempre a questi enti, agli enti locali, alle forze dell'ordine che me le hanno chieste, alle famiglie che non potevano acquistarle, mascherine, guanti e liquido igienizzante per rispettare le norme contro la diffusione del Coronavirus". Insomma, opere di bene, riferisce il parlamentare, fatte "in silenzio" (anche se al riguardo ci sono scatti pubblicati sui social network in cui è taggato). 

La questione ha attirato più di qualche sospetto con qualche avversario politico che ha lasciato intendere la possibilità che quei soldi possano essere stati intascati. Per fortuna "ho avuto premura di conservare gli scontrini", dichiara ancora Grimaldi che conclude "spero di aver dato sufficienti delucidazioni a chi aveva dubitato".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spese per "eventi" durante il lockdown, bufera sul deputato 5 Stelle

CasertaNews è in caricamento