L'Ente Idrico chiede di sospendere la 'caccia' agli evasori dell'acqua

Il presidente Mascolo: "Vogliamo sostenere le fasce più deboli, che sono anche le più colpite dall'emergenza coronavirus"

L’Ente Idrico Campano ha approvato all’unanimità un documento nel quale si richiede ai gestori del servizio idrico l’adozione di misure straordinarie a sostegno delle famiglie colpite dagli effetti dell’emergenza sanitaria da coronavirus.

Sospendere le procedure per il recupero di morosità relative a fatture scadute alla data del 10 marzo 2020 per tutte le utenze, riattivare tempestivamente la fornitura in caso di precedente sospensione, evitare la disattivazione della fornitura idrica. Sono queste alcune delle misure straordinarie che i gestori del servizio idrico integrato dovranno adottare in Campania per dare sostegno alle famiglie colpite dagli effetti dell’emergenza coronavirus.

A chiedere il rigoroso rispetto dei provvedimenti stabiliti dall’Autorità di Regolazione per l’Energia, Reti ed Ambiente (ARERA), l’Ente Idrico Campano che, nel corso dell’ultimo comitato esecutivo, ha approvato all’unanimità un documento nel quale esorta i gestori a mettere in campo ogni possibile misura di contrasto agli effetti dell’emergenza economica conseguente alla pandemia al fine di aiutare la popolazione in condizioni di disagio economico. "Con questo provvedimento vogliamo sostenere le fasce più deboli, che sono anche le più colpite dall’emergenza coronavirus - dichiara il presidente Luca Mascolo - L’Ente Idrico è pronto a sostenere con forza, eventualmente anche prendendo in considerazione proposte dei Consigli di distretto, ogni ulteriore intervento in favore delle utenze economicamente disagiate, nel pieno rispetto degli equilibri economico-finanziari di ogni gestione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I gestori che svolgono i servizi di acquedotto, fognatura e depurazione o solo una parte di essi - aggiunge il direttore generale Vincenzo Belgiorno - possono segnalare tempestivamente all’EIC particolari situazioni di criticità di carattere economico-finanziario conseguenti all’emergenza o per interventi a favore delle utenze disagiate. L’Ente provvederà ad attivare ogni possibile percorso, provando a favorire l’accesso anche al conto emergenza Covid istituito da ARERA".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse in Campania fino al 30 ottobre per il coronavirus

  • Blitz all'alba: 38 arresti. Fiumi di coca, marijuana ed hashish 'coperto' da vedette TUTTI I NOMI

  • Nuovo record di contagi nel casertano: 135 casi in un giorno

  • Il Covid colpisce ancora: 187 nuovi positivi nel casertano

  • Doppiato il record di contagi: 284 casi e 2 decessi nel casertano

  • Sfondata quota 1000 casi in Campania: superato il ‘limite lockdown’ annunciato da De Luca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento