menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il consigliere regionale Giovanni Zannini e il sindaco Virgilio Pacifico

Il consigliere regionale Giovanni Zannini e il sindaco Virgilio Pacifico

"Sindaco fantasma in piena emergenza coronavirus", scoppia la polemica

Il gruppo politico 'La Città al centro' passa all'attacco: "Virgilio Pacifico nonostante sia un medico non si vede e non si sente"

Scoppia la polemica a Mondragone contro il sindaco Virgilio Pacifico e il consigliere regionale Giovanni Zannini. A passare all'attacco il gruppo politico "La Città al centro".

"Mondragone, il sesto comune più popoloso della provincia di Caserta, che dovrebbe essere centro di riferimento per i comuni che lo circondano, situato in una fertile pianura, vicino a una splendida costa e ai piedi di una collina che lo difende dai venti provenienti dall'interno, un posto bellissimo, amministrato da un Sindaco fantasma - sottolinea il gruppo politico in una nota - In una fase storica che dal dopoguerra non si è mai verificata, e che speriamo non si verifichi mai più, Ia nostra città è senza comando e senza controllo amministrativo".

"In tutti i comuni del circondario i sindaci sono tutti in prima fila - continua il gruppo 'La Città al centro' - Comunicano ai propri concittadini attraverso dirette facebook, comunicati stampa, post sui social, le notizie che riguardano la propria città: presentano le iniziative a sostegno delle fasce più svantaggiate della popolazione; si danno da fare per il recupero dei materiali per la sicurezza dei cittadini; coordinano gli interventi della Protezione civile; informano la cittadinanza sulla salute e sui numeri dei contagiati. Molti di questi sindaci non sono medici. Il nostro sindaco, anche se è evanescente, nonostante sia un medico non si vede e non si sente".

"Dice, attraverso un comunicato stampa uscito a distanza di 20 giorni dall'inizio dei primi Dpcm - spiega il gruppo politico - e dopo che sono iniziate le lamentele dei cittadini che si sentono abbandonati, che lui, il sindaco, intende continuare con lo stile sobrio. Prosegue asserendo che la comunità ha dimostrato di volersi impegnare seriamente, che fa il massimo per rispettare le regole che ci sono richieste. E noi chiediamo al sindaco Pacifico o chi per esso: queste regole valgono per tutti? Se la risposta è affermativa, come crediamo che sia, perché non denuncia, in qualità di primo cittadino e massima autorità di pubblica sicurezza, i consiglieri comunali che vanno in giro a farsi vedere e a consegnare merce senza autorizzazione? Vuole i nomi? Li conosce benissimo. Perché non denuncia il consigliere regionale che fa la stessa cosa senza essere autorizzato? Perché non denuncia i vari personaggi che si sostituiscono alla Protezione civile, sulla quale ci sarebbe da discutere ma che ringraziamo e ai quali facciamo un plauso per l'intenso lavoro che stanno facendo, insieme ai volontari della Croce rossa italiana? Perché non denuncia coloro i quali si inventano un ruolo di distributori di pacchi che nessuno ha dato loro e che rischiano, con la loro improvvisazione, di essere portatori di contagio? Ci risponda, se è in grado di farlo, oppure lo chieda ai suoi burattinai e lo ripeta a noi come ormai, purtroppo, ci ha abituato da subito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Muore per Covid dopo il ricovero in ospedale: aveva 66 anni

  • Cronaca

    Diocesi in lutto, è morto don Pietro De Felice

  • Cronaca

    Marito e moglie positivi se ne vanno in giro per strada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento