La Onlus dei migranti impugna lo 'sfratto' del Comune

Presentato ricorso al Tar per chiedere la sospensiva del provvedimento

Inizia un nuovo braccio di ferro tra la Onlus 'Il Girasole' che ha preso in gestione un locale del Comune di Caserta per ospitare i profughi alla Vaccheria. Il dirigente di Palazzo Castropignano Gianni Natale, nei giorni scorsi, ha firmato l'ordinanza di sfratto accusando la Onlus di non aver provveduto a pagare il canone di locazione. Quest'ultima ha però immediatamente presentato ricorso al Tar Campania chiedendo la sospensiva del provvedimento. Il nodo è legato ai lavori che la Onlus è stata costretta ad effettuare all'interno dei locali e che l'ha vista già ricorrere al tribunale di Santa Maria Capua Vetere per la nomina di un perito che stimasse la quantità del danno "nonostante - viene sottolineato - dal Comune avevano garantito di aver effettuato lavori per 100mila euro prima di firmare il contratto di locazione".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento