menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppi contagi, il sindaco chiude le scuole e piazze per 15 giorni

Il provvedimento firmato dal primo cittadino. Stop anche al mercato

Troppi contagi a scuola, il sindaco ordina la chiusura per 15 giorni. E’ quanto emerge dall’ordinanza firmata dal primo cittadino di Pietramelara Pasquale Di Fruscio “considerato che l’elevato numero dei contagi ha colpito alcune classi dell’Istituto comprensivo ‘Falcone e Borsellino’” e che questo “suggerisce, in via assolutamente straordinaria ed urgente e quale extrema ratio di tutela, di disporre la sospensione delle attività didattiche in presenza”. Per questo motivo viene disposto il ritorno alla Didattica a distanza per 15 giorni, nonché la sospensione del mercato domenicale per lo stesso periodo, oltre che si fa “obbligo agli esercizi pubblici e per giorni 15 consecutivi di somministrare alimenti e bevande esclusivamente all’esterno dei locali, osservando le regole di distanziamento”. Viene inoltre inibito “per la durata di 15 giorni l’accesso nei luoghi di maggiore assembramento della popolazione, in particolare i più giovani, e precisamente Villa Comunale, Area Mercatale, Area ex Lottizzazione Sessa – Sant’Antonio Abate, Area via Marconi (ex edificio scuole elementari), area piazza San Rocco e in particolare l’area retrostante il monumento ai caduti”. Limitato per lo stesso periodo l’accesso del pubblico agli uffici comunali. “I servizi all’utenza dovranno essere garantiti impiegando esclusivamente modalità telematiche e le attività di ricevimento del pubblico o di erogazione diretta dei servizi dovranno essere garantite con modalità telematica ovvero impiegando ogni altro mezzo idoneo ad escludere la presenza fisica degli utenti negli uffici”. Sospesi inoltre “tutti gli eventi e competizioni sportive, in luoghi pubblici e privati, salvo quelli ammessi per eventi nazionali ed a porte chiuse previa comunicazione dei partecipanti all’ufficio della P.M. e previa effettuazione dei controlli di negatività al virus”. Viene infine intimato “ai parroci di osservare scrupolosamente i protocolli già disposti in ambito ecclesiastico per prevenire la diffusione del virus, con particolare riguardo alle cerimonie religiose di particolare importanza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento