rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Attualità

Caos Dad dopo la chiusura delle scuole di De Luca

Ogni preside decide in maniera diversa. Si attende per lunedì la decisione del Tar Campania

La scuola è chiusa, anzi no. Dopo l’ordinanza del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca di sospensione dell’attività didattica fino al prossimo 29 gennaio a causa dell’incremento indiscriminato dei contagi da Covid-19, il caos amministrativo si è riversato sulle scuole.

Il nodo che si sta cercando di risolvere è se attivare la didattica a distanza o meno. E le scelte dei dirigenti scolastici sono diverse tra loro. Basti pensare che a Caserta città la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo ‘Giannone-De Amicis’ ha deciso di attivare la didattica a distanza dall’infanzia alle scuole medie; scelta diversa, invece, per i colleghi della ‘Dante Alighieri’ e della ‘Don Milani’ che hanno ufficializzato la sospensione completa dell’attività didattica. Ma gli stessi problemi si stanno incontrando un po’ in tutti i comuni della provincia di Caserta, dove i dirigenti scolastici devono affrontare le conseguenze delle scelte di De Luca.

In molti, in realtà, strano adottando una strategia diversificata: quella cioè di attendere cosa deciderà il Tar Campania lunedì sulla richiesta di sospensiva del provvedimento del governatore prima di attivare la didattica a distanza che, a norma di legge, dovrebbe essere avviata solo se la regione o la provincia interessata si trova in “zona rossa” per la pandemia da Covid-19. Cosa che, ad oggi, non è.

Per questo motivo sarà importante attendere il responso della Quinta Sezione del Tar Campania sul ricorso presentato contro la chiusura delle scuole. Il primo atto, come detto, si dovrebbe concludere entro lunedì. I giudici amministrativi sono in attesa della documentazione da parte degli uffici della Regione degli atti alla base dell’ordinanza di De Luca sui quali poi assumere la decisione immediata, prima di entrare nel merito dell’ordinanza.

Già lo scorso anno la Campania si trovò in una condizione simile, col governatore che sospese le attività in presenza per la pandemia Covid, riuscendo a superare il vaglio del Tar sulla sospensiva ma poi “perdendo” nel merito. Ora si ripropone una scena simile. In attesa che arrivi anche il ricorso annunciato dal governo Draghi che ha deciso di impugnare l’ordinanza di De Luca.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos Dad dopo la chiusura delle scuole di De Luca

CasertaNews è in caricamento