Attualità Capodrise

Il sindaco cambia idea e chiude le scuole: "In classe dopo l'Epifania"

Angelo Crescente critico sull'ordinanza di De Luca: "Genera ulteriore confusione"

Il sindaco Angelo Crescente

Stop al rientro in classe per i bambini della scuola dell'infanzia e delle classi prime e seconde delle Elementari. Il sindaco di Capodrise, Angelo Crescente, cambia idea e chiude tutte le scuole fino al 22 dicembre. Le attività didattiche in presenza riprenderanno (si spera) dopo l'Epifania.

Ad annunciarlo è stato lo stesso primo cittadino che ha affermato: "L'ordinanza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ci ha indotto a riflettere circa l’effettiva fattibilità della didattica in presenza limitatamente alle classi dell’Infanzia, della prima e seconda della scuola primaria. Alla luce di tale provvedimento, che genera ulteriore confusione, e considerato il disorientamento e il disagio che si riflette sulle famiglie, pur ritenendo essenziale la didattica in presenza per la crescita educativa degli alunni, si rende opportuno proseguire con la didattica a distanza fino al 22 dicembre, soprattutto per evitare ulteriore dispersione scolastica".

"Gli sforzi impiegati dall’amministrazione comunale per consentire la ripresa delle attività didattiche in sicurezza fin dall’inizio dell’anno scolastico ed anche in questo particolare momento, non possono essere vanificati - ha aggiunto Angelo Crescente - Pertanto auspichiamo che l’inizio delle attività in presenza a decorrere dal 7 gennaio 2021 possa essere garantito senza ulteriori intralci".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco cambia idea e chiude le scuole: "In classe dopo l'Epifania"

CasertaNews è in caricamento