Attualità Maddaloni

"Le scuole chiuse sono una pagliacciata". De Filippo contro 'colleghi' e genitori

Il sindaco di Maddaloni una furia: "Io non sono un podestà, fino alla fine del mandato eviterò il più possibile la chiusura straordinaria delle scuole"

"Essere, o non essere, è questo il dilemma". La celebre frase dell'Amleto di Shakespeare torna d'attualità in una fase in cui il destino delle scuole sembra ricondursi al "dubbio amletico" che il principe Amleto si pone interrogandosi sull'esistenza. Bando alla letteratura, pur sempre affascinante e intrisa di messaggi, ciò che sta accadendo sulla vicenda scuole in provincia di Caserta non è certamente un fatto scevro da prese di posizione, manie di protagonismo e fazionismo. Chiudere o tenere aperte le scuole nell'era del coronavirus sembra essere divenuta una 'guerra' tra chi non vuole rinunciare alla didattica in presenza e chi, invece, ritiene che la Dad non sia poi così male. Insomma una 'lotta di parte' dove, troppo spesso, le decisioni 'di pancia' prendono il sopravvento su quelle fatte con raziocinio. Ma tant'è.

Come se non bastasse, ad alimentare la 'lotta di parte' è stata l'ondata di gelo che da domenica si è abbattuta su Terra di Lavoro e che ha provocato anche una fitta nevicata. C'è chi, tra i sindaci, ha infatti ritenuto opportuno sospendere le attività didattiche in presenza per la giornata di oggi (lunedì 15 febbraio) e lasciare spazio alla Dad. Ciò è accaduto a Caserta, Casagiove, Caiazzo, Castel Morrone, Castel Campagnano, Piana di Monte Verna e Ruviano. E chi invece ha rivendicato l'inopportunità di una chiusura straordinaria delle scuole, nonostante le molteplici pressioni di docenti e genitori preoccupati per le condizioni meteorologiche avverse. E' il caso del sindaco di Maddaloni, Andrea De Filippo, che è dovuto ricorrere ad una diretta Facebook per chiarire con forza i motivi della sua decisione, lanciando una frecciatina a 'colleghi' e genitori.

"La scuola è una cosa seria - ha detto il primo cittadino di Maddaloni - E il fatto che ogni volta che c'è qualche perturbazione climatica tutti si agitano chiedendo la chiusura delle scuole è davvero una pagliacciata. Non si possono chiudere le scuole perchè fa freddo. Altrimenti facciamo andare i ragazzi a scuola da marzo ad ottobre. Abbiamo le scuole chiuse da circa un anno per l'emergenza Covid e adesso le richiudiamo? I ragazzi hanno diritto ad essere istruiti e Dio sa quanto è difficile in questo momento che ciò accada. Non posso chiudere le scuole perchè i professori che arrivano da Arienzo e San Felice a Cancello non possono venire perchè c'è la neve. Io sono a metà del mandato circa e fin quando sarò sindaco cercherò di garantire il diritto allo studio dei ragazzi. Eviterò il più possibile, dunque, la chiusura straordinaria delle scuole".

Ma le polemiche sulla questione scuole a Maddaloni non si limitano alle recenti avversità climatiche. Ad accendere la diatriba, infatti, sono soprattutto le preoccupazioni legate alla situazione coronavirus. Secondo l'ultimo bollettino emanato dall'Asl di Caserta, Maddaloni è la seconda città della provincia (dietro solo al Capoluogo) con il maggior numero di positivi attuali: ben 230. E in tanti, tra i genitori degli studenti, chiedono un ritorno alla didattica a distanza. Anche su questo punto il sindaco De Filippo è stato molto chiaro: "Io non sono un podestà chè può alzarsi la mattina e firmare ordinanze a proprio piacimento - ha affermato il primo cittadino maddalonese - Sulla vicenda scuole la Regione Campania ha disposto un sistema di riferimento per singoli Comuni in base al quale i sindaci devono orientarsi per assumere i provvedimenti conseguenti. Un sistema basato sulla valutazione di alcuni parametri, su tutti l'incidenza dei nuovi positivi negli ultimi 7 giorni e la percentuale dei nuovi positivi negli ultimi 7 giorni. Secondo gli ultimi dati in nostro possesso siamo nella 'fascia verde', che prevede precauzioni per singola realtà infetta. Quindi qualora si determinino dei contagi all'interno delle scuole, si procede all'isolamento della singola classe. Dunque non ci sono le condizioni tecniche per procedere alla chiusura delle scuole".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Le scuole chiuse sono una pagliacciata". De Filippo contro 'colleghi' e genitori

CasertaNews è in caricamento